Discussione3 Comments

  1. maria ha detto:

    Sia ciò dovuto alla specificità del napoletano, o alla maggiore competenza
    linguistica che in esso posso vantare, sta di fatto che la traduzione napoletana sembra
    funzionare a mo’ di mezzo di contrasto nelle indagini radiologiche: come questo aiuta
    a meglio visualizzare le parti più inaccessibili del nostro corpo, quella dà risalto,
    profondità e risonanza alle zone opache del testo originale.
    La sensazione di questa maggiore reattività a volte è così forte da convincermi
    che il napoletano possa essere più duttile dell’italiano a rendere il testo letterario di
    lingua inglese.
    gentile e caro amico:oh preso il brano sopra scritto…che mi aembra di avere tutto il “concentrato”comme o’caffe quanne é ristretto vero(¡?)
    In codeste frasi lei racchiude le traduzzione “inglesa-napoletana”e gli dá un sapore che ingrandisce il cuore ,fa amare di piú la lingua madre nostra.
    ——-Non voglio sia una critica”solo a mo di commento—la poesia in napolertano a un’altro suono,un altro canto…….talvolta sia che quella inglese il nostro udito noné abbituato…pero chome sia “gli invio i migliori auguri avete fatto un’óprea d’arte molto geniale ed di un gran laboro trovare le parole che facciano il canto della bella poesia
    un abbraccio cordiale da Maria (arg)

  2. Vincenzo Pepe ha detto:

    Carissima Maria, grazie assai dei complimenti che girerò anche ad Amedeo Messina, l’autore delle traduzioni. Vedo con piacere che la sensazione che io descrivo è condivisa, soprattutto da chi, come lei, vivendo lontano dalle nostre terre sente più struggentemente la nostalgia anche della nostra bellissima lingua. Con affetto, Vincenzo Pepe.

    • maria ha detto:

      Che gioa,quanto onore che lei caro Vincenzo si prenda il tempo di rispondere un mio commento,la ringrazio molto ed se gli fa piacere ,gli dica al caro Amedeo Mesina l’autore delle traduzzioni ,tutta la mia admirazione per il suo laboro(so quanto e difficile fare le tradizzioni,si dice.traduttore traditore,me lei Amedeo.nel mio umile parere ,non ha tradito il senzzo del penziero fatto dal’autore,in ligua inglese…anzi lo ha ri–alzato dandoci l’effetto reale del testo ..il canto della nostra bellissima lingua napoletana ,tanto barocca ma tanto sentita ….sembra dalle volte come il canto del marinaro ,in quelle serene notti mentre boga..boga..tra il rumore dei remi accarezzano il mare ,sembra quel fruscio dolce dolce,svegliando i pesci …
      Cordiale saluto ed nuovamente grazie gentil e caro amico
      Maria(arg)

Aggiungi un commento