Aniello Langella – Passeggiando a Villa dei Misteri a Pompei

Inserito da: · ottobre 20, 2012

Lo studio della Villa dei Misteri di Pompei richiede una grande conoscenza dell’archeologia, della storia dell’arte, della mitologia e della letteratura antica. E queste sono competenze che non mi appartengono. Ho iniziato tantissimo tempo fa, quasi per gioco a guardare e studiare con curiosità e interesse, questa dimora avendo a mia disposizione solo il desiderio di conoscere. ..

1 Aniello Langella – Passeggiando a Villa dei Misteri a Pompei – vesuvioweb 2012

2 Aniello Langella – Passeggiando a Villa dei Misteri a Pompei – vesuvioweb 2012

3 Aniello Langella – Passeggiando a Villa dei Misteri a Pompei – vesuvioweb 2012

4 Aniello Langella – Passeggiando a Villa dei Misteri a Pompei – vesuvioweb 2012

5 Aniello Langella – Passeggiando a Villa dei Misteri a Pompei – vesuvioweb 2012

6 Aniello Langella – Passeggiando a Villa dei Misteri a Pompei – vesuvioweb 2012

     Leggevo per capire ed osservavo le meraviglie di quella villa per tentare di chiarire a me stesso i “misteri” che conservava. A dire il vero le cose non mi sono affatto chiare ancora adesso e il mistero della villa mi affascina e allo stesso tempo, mi stimola a proseguire nello studio. Poi i lunghi anni della laurea in medicina mi distolsero da questo bellissimo e affascinate gioco. Più tardi ripresi tra le mani gli argomenti per decifrare l’intrigato puzzle che conservano le pareti di questa dimora pompeiana. Sono ritornato tante volte in quella villa, ho percorso tante volte quei corridoi, anche nei giorni di pioggia e di vento freddo invernale. Sentivo che le atmosfere mutevoli delle stagioni potevano in qualche modo aiutarmi a capire. Ma il bello di questa mia ricerca è stata la ricerca stessa, che ancora oggi mi attrae e per certi versi seduce ancora. Mi sembra quasi di rivivere momenti magici, credetemi, in quelle stanze che risuonano del silenzio, da un lato e della musica assordante delle buccine e dei cembali. La tragedia del Vesuvio che patina ogni cosa di grigiore e riporta alla mente gli strazi di quella gente che visse in quelle stanze e lì morì sepolta dalle ire della montagna, si rivede tra quelle mura e quelle pareti affrescate, da dove riaffiora tutta la bellezza di un mondo ormai perduto e allo stesso tempo tutto il patos nei volti sfigurati dei calchi delle vittime. Persero ogni cosa, quegli antichi abitanti di Pompei e gli stessi proprietari della Villa dei Misteri. Lasciarono, come spesso accade nelle tragiche vicende umane, ogni bene materiale. Il forziere, i gioielli, le statue, gli orti, la casa e con essa il senso stesso della loro esistenza. Ricercavo tra quelle stanze, rivivendo quegli ultimi drammatici momenti della tragica eruzione, il senso della vita di quei pompeiani, che erano stati in grado di creare la bellezza attraverso la forma della villa, attraverso la sua dislocazione e soprattutto attraverso i suoi arredi, comprese le pitture. Trovo bellissima l’idea di abitazione che in un solo concetto racchiuda quello di villa, di azienda, cenacolo e il tutto in uno dei luoghi forse più ameni della piana del Vesuvio, di fronte alle isole del golfo. Penso che ancora oggi quella villa potrebbe trasmettere idee di modelli abitativi innovativi, da un punto di vista architettonico, tanto armonica appare la dislocazione dei suoi ambienti sviluppati tra il mare e la montagna.

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, Miti e leggende

Discussione3 Comments

  1. Silvio Falato ha detto:

    Bravo, Aniello! Encomiabile è il tuo attaccamento alle cose dei nostri avi, e in maniera egregia svolgi il compito dettato dal grande Foscolo e già messo in atto dal grande Omero: brancolare tra i resti sacri dei grandi del passato, per interrogarli e tramandare ai posteri le loro nobili gesta. Complimenti e grazie.

  2. marisa betrò ha detto:

    Ho appena finito la prima parte, ritrovando il fascino di questo monumento mai abbastanza visitato e goduto. Forse bisogna vivere lontani per apprezzare fino in fondo, dopo averli ri-scoperti, il valore di queste
    incredibili testimonianze di un passato che rimane comunque, come dici, scritto nei nostri geni e nella nostra cultura. Siamo, infatti, troppo abituati a convivere con queste meraviglie, a rimandarne la fruizione appunto perché fanno parte da sempre del nostro orizzonte vicino: in un certo modo non le vediamo più. Hai fatto un lavoro magnifico, che mi leggerò piano piano. Purtroppo sono rimasta indietro! buona domenica.

    • admin ha detto:

      Dici il vero e condivido quel che pensi e magari non scrivi. Ci sforzeremo ancora di più per mandare avanti il nostro pensiero. Mi stupii quando vidi la prima volta quell’affresco e questo è comprensibile. Ma com’è possibile che ogni volta che rivedo quel capolavoro, mi stupisco ancora?

Aggiungi un commento