Volti vesuviani. Antropologia di un sorriso spento appena nato – 1898

Inserito da: · ottobre 20, 2012

Volti vesuviani. Antropologia di un sorriso spento appena nato – Reportage dal 1898. Immagini di adolescenti che scimmiottando la vita degli adulti corrono oltre l’immaginazione per travestirsi da uomini nell’orrendo palinsesto della vita. Un tempo così si generavano i falsi modelli, i falsi ideali e le falsità.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Antropologia

Discussione5 Comments

  1. maria ha detto:

    Antropologia di un sorriso spento appena nato ……forze quella Smorfia di un finto sorriso……..sarrá la ferita mai guarita…..

    ……..Sorriso,sorridere! malinconico eccidio,nel primo intento di aprehenderla chome il migliore dei momenti per tutto il resto della vita.

    ……..Sorriso l’opposto complementare del pianto é pur in ambi casi appare qualche furiva lagrima..

    Gentili Adm de portale:Grazie..

    cordiale saluto Maria (arg)

  2. marisa betrò ha detto:

    Immagini di grande suggestione, che provocano turbamento e malinconia. Vorrei, se possibile, qualche informazione in più sull’origine e la destinazione di queste foto. Grazie.

    • admin ha detto:

      Le foto le ho ricavate da un testo di antropologia medica della metà dell’800. La fotografia iniziava a dare il suo contributo nelle scienze e così nella medicina. Studiare un volto nella sua anatomia per andare oltre l’elemento ritrattistico era divenuta quasi una moda. Si veda ad esempio il lavoro di Lombroso e della sua scuola. Quando il fotografo ritrae i volti napoletani non manca di commentarle con aggettivi a dir poco offensivi. Il modello dello scugnizzo scherzoso e divertente diventa il lazzaro mariunciello e il passo e breve per la delinquenza. Fanno male certe asserzioni “mediche”. Oggi non voglio esagerare, ma quelle foto sono attuali e mostrano ancora una volta come non sappiamo inserire in un contesto multirazziale de volti bellissimi che possano anche dire la verità. Retaggio di un Grand Tour critico e pesantemente antitaliano. Grazie Marisa.

      • marisa betrò ha detto:

        Fammi capire, Nello, abbi pazienza. A Lombroso ho pensato anch’io, di fronte alla quinta foto della prima striscia, ma per tutte le altre mi chiedo quale pervertito mettesse in posa quei bambini e quelle ragazzine( lo sguardo della seconda bambina in terza fila mi fa star male) ed a quale scopo: solo per illustrare il tomo di antropologia?Sulla bellezza di quei volti e sull’intensità di talune espressioni non ho nulla da aggiungere. eccezionali.
        Grazie sempre a te, Nello, per il valore e la generosità del tuo impegno culturale.

        • admin ha detto:

          Gentile Marisa, cerco di rispondere. Ho acquistato alcuni libri a Capri e tra questi uno che mi ha aperto gli occhi su un problema che potrebbe sembrare come la madre di tutte le battaglie. L’autore è Roberto Ciuni, per me un grande. Il titolo: “Lettere al Times da Capri Borbonica”. Il contenuto? Incredibile. Un signore, tal Hrnry Wreford, pace all’anima sua, ma penso all’inferno, pagato e lautamente per denigrare il sud e l’Italia tutta. Relazioni dettagliate al Times sui disastri del Regno. Apprezzamenti e giudizi infamanti sulla popolazione. Architettati racconti esaltanti la mediocrità degli italiani e in particolare del popolo napoletano, giudicato negletto, ignorante, affatto intelligente, lurido, squallido, prostituto, ladrone e brutto. Tutti aggettivi che ricorrono in quelle lettere, pagate profumatamente dagli inglesi che a loro volta le giravano negli Usa, in Germania e Francia. Una sorta di ghigliottina pendente sulla noce del collo di questa gente. Eppure il signorino Henry viveva a Capri nelle sue ville acquistate con i soldi degli inglesi. Qui beveva, mangiava e faceva altro con le contadinelle asservite. Per strada passando spesso frustava i passanti con cipiglio. Nasceva in quell’ottocento confuso e poco chiaro una campagna denigratoria nei confronti di questa terra. Ho capito molte cose dopo quella lettura. A dire il vero non ho letto quel libro, l’ho studiato. Ti consiglio di acquistarlo perchè una persona sensibile come te, son certo, apprezzerà i contenuti che Ciuni mette a disposizione dopo tanti anni di un pubblico che vuole sapere. Presto su questo portale estrarrò delle parti di quel testo commentandole a modo mio e così, magari assieme potremo anche commentare e giudicare, per smetterla di essere giudicati.

Aggiungi un commento