Niobe, le figlie e Leto giocano con gli astragali a Ercolano di Nikos Kapetanidis e Aniello Langella

Inserito da: · novembre 25, 2012

Niobe, le figlie e Leto giocano con gli astragali a Ercolano di Nikos Kapetanidis e Aniello Langella

Dev’essere stata una grande emozione. Nel disseppellire quel marmo così antico di Ercolano, la mano dell’operaio che ripuliva la superfice, secondo me si arrestò un po’ e forse anche tremante nella voce, scandendo le lettere, lesse e non comprendendo il senso di quella scrittura, chiamò solerte l’esperto, poco distante che senza esitazione decifrò rapido, il contenuto di quelle tre parole: AΛEΞANAPOS AƟHNAIOƩ EΓPAΦEN…

Niobe le figlie e Leto giocano con gli astragali a Ercolano – vesuvioweb 2012

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia

Discussione3 Comments

  1. Silvio Falato ha detto:

    Una sensazione veramente piacevole scorre nell’animo quando si vede descritto con la passione del vero filologo un gioco così semplice praticato da 2000 anni fa fino alla nostra fanciullezza, e non solo da voi, a Torre, ma anche da noi, nel Sannio. Complimenti e grazie per la bella pagina.

  2. maria ha detto:

    nomi delle ossa in greco antico era astragali.
    Questa è la stessa parola usata in anatomia umana o animale per questo osso
    specificamente. Queste piccole ossa del carpo di pecora o di
    carne di maiale o slave nelle gambe dell’animale. Nel greco moderno
    nome dell’osso è cotsi, cotsia plurale. È anche il nome della moderna
    Gio In realtà il gioco è quasi sconosciuto ai greci jeuns
    oggi. Il contrario è molto conosciuta per le età più di 60 anni
    anni e soprattutto nelle campagne. La parola cotsia nostri giorni è più
    utilizzato per indicare la forza, la resistenza qualcuno. “Non lo so
    paura di lui. Ha cotsia. Egli avrà successo…………………………..
    ________una picola traduzione dal francese al italiano

    molto interessante !!!!
    anche il rinnovare i ricordi della nostra bella infanzia,di questi tempi natalizii ,lo facevamo con delle nocelle…..

    abbraccio cordiale

  3. maria ha detto:

    Un ossicino ha quattro facce un diverso aspetto:
    – Le due facce maggiori, uno è convessa e concava l’altra.
    – Il più stretto due, uno è piatto, un altro avvolgimento. a seconda della
    segnalare gli autori dell’antichità, questi volti ognuno aveva un nome e
    corrispondeva a un valore numerico:
    Il piano successivo (“planum”) è pari a uno. Greco antico Chios χίος
    Il lato concavo (“supinum”) è pari a tre. Ancient Greek iptios
    ύπτιος
    Il lato convesso (“pronum”) è pari a quattro. Ancient Greek Pranis
    πρανής
    Side avvolgimento (“tortuosum”) è pari a sei. Ancient Greek Koos
    κώος.
    Il adition di superfici opposte pari 6 settembre +1 = 7 e 4 +3 = 7
    Il gioco è quello di gettare le ossa, come si gettano i dadi e
    interpretare la portata in base alle convenzioni del gioco che si basa su entrambi i
    valore numerico delle facce o sulla rappresentazione della corsa
    “Abbiamo giocato con quattro ossa”, ha detto Eustace, “i colpi
    potrebbero sorgere erano il numero di 35. ogni
    deriva il loro nome dagli dei, gli altri eroi, questi uomini
    illustri le cortigiane, altri eventi, o da
    lode o di derisione da parte ……………………………………………………….

    ——————————————————-
    un’altra parte della traduzione dal francesa al’italiano
    spero sia útile cari amici.
    cordialli saluti

Aggiungi un commento