Ruggero Guarini – Quanta devozione nel nostro dialetto!

Inserito da: · novembre 4, 2012

Ruggero Guarini – Quanta devozione nel nostro dialetto! 

Ho appena appreso che di una donna incinta, nel nostro antico dialetto, poteva anche dirsi che “è sciuta cummarella a Sant’Anna”, giacché sant’Anna era considerata (e appunto questo è il motivo di quel tenerissimo epiteto) la protettrice delle partorienti…

Ruggero Guarini – Quanta devozione nel nostro dialetto! – vesuvioweb 2012

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Spruloquianno

Discussione1 Comment

  1. Giovanni ha detto:

    Il commento del Guarini è davvero perfetto per il testo di Salvatore: ne mette in evidenza la passione, l’humus popolare così fecondo di richiami a storia, leggenda, alla religione. Sono davvero tantissime le locuzioni a sfondo religioso recuperate da Salvatore e, dallo stesso, scritte in perfetto torrese e spiegate con tutti i riferimenti che ne sono all’origine. Il timore espresso da signor Ruggero che il dialetto, non solo torrese, preoccupandosi dei problemi tecnici grammaticali e di scrittura, possa perdere quell’humus popolare intriso di religione e di gusto per il doppio senso, ecc. è reale, ma la responsabilità discende dal fatto che il dialetto è quasi esclusivamente strumento letterario, adoperato dai poeti, i quali usano in poesia una lingua appresa non dal popolo ma da altri poeti…

Aggiungi un commento