ALLE FONTI DEL VESUVIO

Inserito da: · gennaio 26, 2013

ALLE FONTI DEL VESUVIO

PRESENTAZIONE

Depliant presentazione ALLE FONTI DEL VESUVIO – VESUVIOWEB – 2013

http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=917441

     ALLE FONTI DEL VESUVIO,

è il titolo del testo che abbiamo voluto pubblicare per raccogliere tutte le voci della bibliografia antica. Il tema è chiaramente il vulcano e banale nonché superfluo, potrebbe sembrare il voler ancora una volta riproporre la lettura di questa magnifico edificio e monumento alla geologia del pianeta, come quasi nostalgica riproposizione di un palinsesto già visto, già letto.

Ma la lettura e il commento critico delle fonti bibliografiche, si propone in questo testo come nuova e forse più attuale rivisitazione del “fenomeno Vesuvio”. Rileggendo infatti i documenti, possiamo con sorpresa, avvicinarci ad un diverso criterio di rappresentazione e così quasi ci         riappropriamo di una storia che sembrava archiviata e che invece, per un paradossale destino, ci  descrive un protagonista che è mutevole nel suo innato carattere. Qualche volta è montagna benigna, accogliente e quasi materna nutrice. Sembra la casa dei fauni che danzano sotto i tralci   nelle nobili viti. Altre volte è l’immagine del terrore fatto materia, fino a diventare nel Medioevo, il simbolo stesso del male. È fonte di ispirazione poetica e nel contempo violento assassino. Si lascia leggere come bocca dell’Ade che divora le anime destinate alla dannazione e per contrappasso,      invece si mostra come benevola montagna che riscalda le brezze gelide che d’inverno gli sfiorano i fianchi. Le fonti stesse, lette nel loro ordine cronologico descrivono il Vesuvio a volte come scena della mitologia e degli dei che popolavano questa terra, per diventare così la sede del mistero. Quando poi il vulcano incalza durante i secoli con le sue spettacolari esibizioni di fuoco e di suoni esplosivi, diventa l’artista che riempie tutta la scena, il protagonista unico del primo atto e del sipario che si richiude. E in tutto ciò il fascino della riscoperta del testo, si fa prepotente, incalza   nello scorrere del testo e non lascia dubbi su quello che è ancora oggi la misteriosa e forse folle simbiosi tra montagna e uomo.

Aniello Langella  

2013

 

 

Discussione7 Comments

  1. admin ha detto:

    Maria Esposito dall’Argentina
    Carissimi amici: Laboro di una curatissima editoriale, di una vera fonte d’immagini, di un valore storico eccezionale. Grandi le traduzioni dal greco comparative,…personaggi mitologici,…infine una vera collezione per gaudio, cultura di colui che sente il bisogno di avvicinarsi e decantare il mistero sublime del Vesuvio..la sua magnificenzza l’eterno fuoco sbrontolando,…facendosi sentire …facendosi amare ..tanto come voi quattro moschettieri, senza
    combattere con delle spade, combattendo con il grandioso impegno di
    mantenere viva la tante volte drammatica …ma tante di piú
    orgogliose vedute inmarchando il golfo di Napoli…..In menzzo nella
    sua caratteristica vulcanica ,di una bellezza tremante …si,si, quel
    guardare assorto..quel timore del fuoco, del tremare della natura
    dentro, quel’energia della madre natura, che non finisce mai di
    meravigliarci come in questo caso il lagnarsi della vita che accende
    il suo vibrare tremante, feroce ed simultaneamente bello….amici del
    mio cuore !!! Lodato sia il vostro agire per la Cultura dei popoli per
    rimanere impresa non solo nella web anche nei libri!!! Benedica Iddio la vostra mente che non si accontenta mai per il sapere ed il promuoverlo ad le future generazioni di uomini di tutto il mondo gia ché Vesuvio Patrimonio Culturale del Mondo
    Grazie
    Maria Esposito dall’Argentina

  2. Jana Haasová ha detto:

    Grazie per le immagini belle e affascinanti della eruzione del Vesuvio, da cui irradia il calore …
    Probabilmente nessun altra montagna al mondo è in attesa del grande interesse di pittori come il Vesuvio, che attira l’attenzione per la sua drammaticità fuoco soprattutto nel XVII. – XIX. secolo. Vesuvio K discende pittori provenienti da tutta Europa, un po ‘conosciuto, ma molti di loro anonimo. Artisti ci hanno lasciato opere belle e uniche – che si tratti di dipinti ad olio, acquerelli, incisioni, disegni, o disegni a matita solo. Queste immagini sono una preziosa testimonianza e documentare il corso dell’eruzione, non solo per il vulcanologo che Vesuvio indagato, ma anche per noi. Si tratta di un grande patrimonio culturale, che ho molto apprezzato. Alcuni artisti al Vesuvio e la campagna intorno a Napoli torna più volte.
    Sono interessato a tutti gli aspetti del Vesuvio – vulcanologia, l’arte botanica (piante in lave giovani), ma anche, che in questo impressionante vulcano coperto. Ero incuriosito molti pittori di questa “famiglia vesuvské”, come l’ho chiamato a se stessa. Il nome di alcuni di loro:
    Pietro Fabris, pittore italiano del XVII. secolo, è l’autore di 56 dipinti del Vesuvio, che scortavano studio vulcanologico di Sir William Hamilton
    Johannes Lindgelbach, pittura pittore tedesco è l’autore del l’eruzione del Vesuvio nel XVII. secolo
    Carlo Bonavia, pittore italiano, dipinse l’eruzione del Vesuvio nel 1757
    Alessandro d’Anna – pittore italiano, la pittura è l’autore della eruzione del Vesuvio nel 1794
    Jacquels Volaire Pierre, un pittore francese, eruzione del Vesuvio nel XVIII. secolo
    Johan Dahl, un pittore norvegese, dipinse diverse immagini della eruzione del Vesuvio nel 1826 e vista del Vesuvio da Castellammare
    Vesuvio ha ispirato il disegno e l’scrittore danese Hans Christian Andersen, che ha assistito l’eruzione nel 1834
    Johann Wolfgang Goethe occupato della geologia e dipinto acquerello eruzione del Vesuvio nel 1787.
    L’elenco degli artisti potrei continuare … C’erano centinaia di loro, che hanno affascinato il Vesuvio.

    Jana Haasova, Repubblica Ceca

  3. maria ha detto:

    Sono meravigliata Jana :con l’elenco di pittori che ci hai descritto.Grazie poi mi meraviglio per il triangolo di comunicaziioni che s’intrecciano sulla web di codesto brillante citio in rete dalla mano di Aniello -Salvatore ed gli altri componenti .

    ——Guarda un pó L’Italia…..Republica Ceca…..Argentina…..meraviglie della tecnologia che ci sorprende sempre di puí(vero¡?)

    ——-Sai?perche mi trema il cuore mentre legho R.Ceca:mi affiora il ricodo di una matissima sig, di nome Emilia Strescchova(non so se sta bene scritto)la cui mi era tanto al cuore,mi raccontava che fú infermiera nel suo paese nel(1939*1945) cosi poi arrivó come tanti in queste benedette ma lontane terre……

    ——Ringrazio nuovamente ai responsabbili della web Aniello -Salvatore ….per l’amore affascinante per il Vesuvio…ringrazio te Jana vi abbraccio tutti in un traingolo di amicizia .

    Maria (arg)

    • admin ha detto:

      Jana dalla Repubblica Ceca e Maria dall’Argentina, due donne distanti fisicamente tra loro. Due grandi appassionate della storia di questa terra. Mi piace molto vederle assieme nel leggere in modo diverso questo affascinante viaggio nella storia del Vesuvio. Grazie a voi due!!!
      Salvatore e Aniello

  4. maria ha detto:

    sono le scintille del fuoco vesuviano che .nel loro salto si ri–accendono…nel fremito delle vene,corre innonda l’essere lo trasporta come se le miglie non vi esistessero………certamente fuoco divino!!! tremante ,ti fai sentire…ardente appassionato……..avvolta ci addolori vero?mostri la tua furia….ci dai paura!..ma anche il soffrire per te ci é dolce…….l’ardere nel tuo fuoco…che poi l’azzurro mare calma…ahimeeee la brezza marina che tutto puó—-L’incanto dei pittori che nella loro miscella colorano le fiamme con del rosso vermiglioarancione ..la luce il chiaro scuro …..la mano guidata dal cuore….l’estasi….

    Nello -Tore-Jana.pace a voi nei vostri cuori

    ce vulimme beeene..vero?
    Maria

  5. Jana Haasová ha detto:

    Cara Maria, Nello e Salvatore,

    Sono soddisfatto le tue parole gentili, grazie. A parte che sono migliaia di chilometri di distanza e ci collega l’amore del Vesuvio. Per me è stato amore a prima vista fin da bambino, quando ho visto la prima volta sulla vecchia cartolina del Vesuvio Golfo di Napoli. Mi interessava allora e pino a Posillipo – un albero qui a casa a crescere. Grazie Vesuvio mi interessava geologia e vulcanologia più tardi anche. Nel nostro campo della vulcanologia è abbastanza remota, poiché i nostri vulcani del Tercier bruciato milioni di anni fa. Nello studio di vulcanologia, mi sono incontrato con immagini meravigliose e affascinanti eruzioni secolo scorso, che ero molto interessato, e ho cominciato a chiedermi di arte associata con il Vesuvio. Il mio interesse sta godendo di una ricca vita al Vesuvio, in particolare le piante, che si trova nella lava giovane. Sono interessato anche in altra arte che è nata sotto il Vesuvio, e la sua musica. Ho apprezzato le canzoni napoletane, sonate di Domenico Scarlatti e opera italiana. Terra del Vesuvio considero la mia seconda casa.

    E sono felice di aver scoperto Vesuvioweb e quindi di conoscere la mia seconda casa. Grazie. Sono onorato di essere in grado di partecipare Vesuvioweb il loro lavoro.

    Cordiali saluti

    Jana Haasová, Republica Ceca

Aggiungi un commento