Notte della Befana di Salvatore Di Giacomo e Illustrazioni di Jana Haasova

Inserito da: · gennaio 12, 2013

1919 Notte della Befana di Salvatore Di Giacomo e Illustrazioni di Jana Haasova   –   2013

Il letto di Chiarinella l’avevano collocato in un angolo ove arrivava tutto il sole. Nel verno, quando il  sole era dolce, la poverina s’addormentava in un’onda luminosa, che le scaldava le manine esangui sulla coverta. Tutta la giornata rimaneva sola; la chiudevano in casa e portavano via la chiave, abbandonandola a tutti quei pensieri, a tutte quelle paure che hanno i bambini quando non si vedono accosto nessuno…

Notte della Befana di Salvatore Di Giacomo, illustrata da Jana Haasova – vesuvioweb 2012

Questo articolo si trova in: ----- Salvatore di Giacomo, 00 In Rilievo, Jana Haasova

Discussione4 Comments

  1. enrico parola ha detto:

    bellissima pagina: una altra storia commovente di gente emarginata da questa società pseudo civile.

  2. maria ha detto:

    il cielo azzurro, limpidissimo sul quale la Befana
    aveva, nella notte, ripassata la sua scopa di penne di pavone. La piccola calza bucherellata era caduta sulla
    coverta del lettuccio, e da presso due piccole mani vi si abbandonavano, esangui. Tra tanta infantile minutezza
    le cose più grandi eran due lacrime, che scendevano per le gote di Chiarinella….perche non crdere che le lagrime fossero anche di…..speranza..(mi dico):talvolta allla piccola Chiarinella correvano due piccole lagrime,limpide ,serene —forze pensava**l’anno prossimo la befana mi portera la bambola,chome quella di ……….Di gioia anche si pianghe…non é vero(¡?)
    ***Per il garnde Salvatore Di Giacomo***vada tutto il mio pensiero Al grande poeta…Palomm’é notte…(ricordate?)palomme,palomme cha vuole/…vulanne nu sciore pe naaade….si truove nu sciore avvelenate nu puó chiú vulaaaaa….
    ***amici cari della web,come siete generosi nel prtarci alla memoria uno dei piu grandi poeti da casa nostra !!!lodato sia il suo nome per tutto il mondo “”porto la canzone napoletana ,la poesia napoletana con dentro tutto il fuocco del vesuvio ed lazzurro del mare mediterraneo….il dolore ed l’amore dolente appassionato nelle terre anchora tremanti di quelli **mastti**della Commedia della Arte ,le loro storie ,i loro grandi drammi,esaltando il verbo partenopeo il dolce della sua lingua mai paragonata se dici L’Italia ****dici Napoli il grande mentore Salvatore Di Giacomo…….la sua musica in parole dette /dal cuore amato//semplice dolente//scugnizzo ,geloso della sua terra //amato dalle stesse redici—-

    garzie ….

  3. Cosimo ha detto:

    Ottimo racconto, Salvatore ha delle doti di narratore squisite.

Aggiungi un commento