Dichiarazione dei disegni del reale palazzo di Caserta – di Luigi Vanvitelli – Napoli 1756

Inserito da: · febbraio 15, 2013

La Reggia di Caserta e i progetti di Luigi Vanvitelli

http://dx.doi.org/10.3931/e-rara-7437

 

Discussione1 Comment

  1. maria ha detto:

    Luigi van Wittell detto Vanvitelli nacque a Napoli nel 1700 da una famiglia di artisti originaria di Amersfoort (Olanda). Il suo cognome originario (van Wittell) fu italianizzato in Vanvitelli. Il padre Gaspar emigrò a Roma nel 1674 e qui svolse attività di pittore fino al 1736.

    Luigi, architetto, pittore e scrittore, massimo esponente del filone classicista dell’architettura italiana del ‘700, fu un precursore del Neoclassicismo ma, la sua evoluzione artistica non fu a senso unico, è infatti riscontrabile nelle sue opere una coerente linea di sviluppo fra i due estremi del tardo Barocco e del Neoclassicismo.
    Nelle sue opere maggiori l’architettura è concepita in funzione della visione da lontano, con gli apporti complementari della metodologia teatrale-scenografica, della composizione in chiave urbanistica e del vedutismo ottico-prospettico.
    In seguito al notevole successo riportato dai suoi progetti ai concorsi per la facciata di S. Giovanni e la Fontana di Trevi, fu inviato da Clemente XII nelle Marche a realizzare parecchie fabbriche pontificie.
    La sua perizia tecnico-ingegneristica indusse re Carlo di Borbone a chiamare a Napoli il Vanvitelli per incaricarlo della costruzione della reggia di Caserta, forse il più grandioso complesso realizzato in Europa nel ‘700, immaginata per essere il fulcro di una nuova città-capitale.
    Così iniziò un ventennio di attività intensissima che lo vide impegnato in numerosissimi progetti, non solo a Napoli, ma, nel Regno delle Due Sicilie, nello Stato Pontificio, a Torino, Milano, Brescia ed anche in Spagna.
    Luigi Vanvitelli, fu un costruttore nel senso più lato della parola, artista e tecnico insieme, capace di compiere in pochi anni il miracolo dell’acquedotto Carolino e di innalzare una chiesa originale e suggestiva come quella della SS. Annunziata; di organizzare i lavori della reggia sì da potere in venti anni condurre quasi a termine l’opera ciclopica e di preparare il progetto per una città che avrebbe precorso di quasi un secolo le conquiste dell’urbanistica raggiunte nella seconda metà dell’Ottocento. Morì a Caserta nel 1773.
    cordiali saluti
    Maria

Aggiungi un commento