LA VILLANELLA

Inserito da: · febbraio 1, 2013

Antologia della musica di vesuvioweb: La Villanella

Nel 1442 Alfonso d’Aragona entra a Napoli, divenuta già capitale e promuove il napoletano a lingua ufficiale del regno. Nel 1500 si ha l’affermazione della Villotta, un madrigale popolare che trae origine dai balli campestri. In Italia si diffonde ben presto, in concorrenza con la Cancion spagnola, come villotta alla padovana, o alla bergamasca e alla napoletana. A Napoli fu detta Villanella o canzone alla napoletana. Il metro prevalente ma non esclusivo era costituito dal distico di endecasillabi a rima baciata o dal tristico di endecasillabi di cui i primi due a rima baciata e il terzo libero o viceversa. I componimenti erano prevalentemente brevi, quattro strofe, dodici versi.

 

01 – LA VILLANELLA

http://www.vesuvioweb.com/it/2012/01/1-salvatore-argenziano-e-gianna-de-filippis-etnomusica-e-poesia-popolare-in-campania-premessa/

Madonna tu me faie lo scurrucciato

Vurria ca fossi ciaula

Vintitrè li ffronne

La morte re marìteto

Vurria addiventare chianella

Tu sai che la cornacchia ha chesta ausanza

Li ffigliole

Si te crerissi dàreme martiello

Si li ffemmine

Boccuccia de nu piérzico apreturo

Procidana

Vulumbrella

Sia maledetta l’acqua stammatina

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, La Villanella

Discussione9 Comments

  1. marisa ha detto:

    Una selezione affascinante, arricchita da una scelta di immagini di grande raffinatezza. Grazie per averla condivisa.

  2. Angelo Siciliano ha detto:

    Le ho riascoltate tutte, queste villanelle. Sono una varietà straordinaria del tipo di canzoni profane, le cui origini risalgono al XVI sec. e non potevano non prendere avvio che da Napoli, influenzando anche il genere del madrigale. Bella la selezione dei pezzi cantati e splendide le immagini, selezionate da Salvatore Argenziano, che fanno da scenografia.

  3. maria ha detto:

    ————-Etnomusica*****dolce sentire che riporta al remoto passato di un tempo che fú*****
    —————–Il tempo cortese//sereno//amabbile//come un dolce sentire penetrando nei cassetti dei ricordi>>mi danno nostalgia< penetro nel penziero LaVillanella sento….mi trasporta nell'andare scappando da questo tempo di frenetica musica…………

    ——-Salvatore—Gianna grazie !tante

    baci
    Maria

  4. Jana Haasová ha detto:

    Grazie per la bella canzoni Villanella, che evoca l’atmosfera dei vecchi tempi. Sono stato attratto e belle immagini che accompagnano ogni canzone. Ascolto le canzoni con le immagini sono una grande ispirazione per me dipingere.

    Cordiali saluti

    Jana Haasová

  5. biancasammarco ha detto:

    che dire…..una meraviglia totale

    • Salvatore ha detto:

      Grazie Bianca.
      Il gradimento per queste antologie, di voi tutti, da Marisa a Jana, da Angelo a Maria, ci incoraggio a proseguire con queste raccolte di grandi esecuzioni nel mondo inesauribile della bella Musica.
      Se voi ci seguirete sempre, sarà un piacere arricchire questa Antologia musicale.
      Alla prossima.
      Salvatore e Nello.

Aggiungi un commento