Portici: le Delizie di Aniello Langella

Inserito da: · febbraio 9, 2013

Portici: la città delle Delizie ai tempi di Carlo III

di Aniello Langella

Filippo Morghen era noto in tutta Firenze per le sue eccellenti doti di incisore. La città a quell’epoca gli aveva offerto non poche opportunità di lavoro e a dire il vero, da quanto si legge in alcuni rari documenti bibliografici, la sua era diventata una posizione di gran rilievo, sia sul piano delle
onorificenze che su quello economico. Ma non saprei dirvi come andarono le cose, perché nulla ho trovato in giro, tra libri e rete, al nostro Filippo accadde qualcosa che gli sconvolse la vita. Lasciò Firenze in una notte, e di gran fretta e con tutti gli oggetti di bottega si trasferì a Napoli. Colpa di una donna? Forse qualche furibonda lite con un creditore porporato? O come dice qualcuno era incappato in affare poco chiaro? La storia ufficiale ci  informa invece che fu chiamato a corte da Carlo III di Borbone….

Aniello Langella – Portici appunti e storie – Le Delizie – vesuvioweb 2013 – 1^ parte

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I monumenti

Discussione5 Comments

  1. Cosimo ha detto:

    Un bel quaderno di appunti. Spero che ci sia un seguito…

    • admin ha detto:

      Caro Cosimo, c’è un seguito! Anzi ci saranno tanti nuovi documenti e spero divertenti e interessanti passeggiate in questa terra che non smette mai di stupire.
      Grazie
      Aniello

  2. maria ha detto:

    Andando il re con la regina a Castellamare sopra gondola, e
    ritornando per terra, nell’iterata vista s’invaghirono dell’amena
    contrada di Portici; e Carlo, udendo che l’aria vi era salubre,
    la caccia (di quaglie) due volte l’anno abbondantissima , il vicino
    mare pescoso, comandò farvisi una villa, e ad uno di corte
    che rammentava essere quella contrada soggiacente al Vesuvio,
    con animo sereno replicò : « Ci penseranno Iddio, Maria Immacolata
    e San Gennaro.
    ………….Amici tanto cari:Portici appunti e storia———laboro edditoriale piú che brillante………ma**colgo questo brano**credo racchiuda in essa quel non so ché di accattivante———gli immagino in abbito reale mettendo piede a terra —**il sorriso delle loro labbra ,guardando il panorama……..
    ———–moglie mia . amata regina del mio cuore!**che ne dite se per vostro honore e picer mio *****restiamo in codesto luogo ove il tramonto e l’ebrezza del venticello ,cosi salutare ci donará lungha vita?——-
    ………….Re del cuore mio! gli ordini date …non perdete tempo ***costruire fate la piú bella Villa———come siete generoso!!!

    *******Si guardano negli occhi,poi ,strada fanno allombra del sole che tramonta…

    —non mi resta che dirvi”vi voglio ben!!!*****
    grazie per farmi stare per momenti godendo delle Delizie di Portici……..facendo compagnia nelle gondola al re é la regina prime di toccare………
    vi avbbraccio

Aggiungi un commento