Menàide e vvuzzariélli di Salvatore Argenziano

Inserito da: · marzo 21, 2013

Cantieristica minore a Torre del Greco. Menàide e vvuzzariélli

Di Salvatore Argenziano

…Erano i primi anni del sessanta quando mi invitarono a visitare un grande cantiere di barche a Offanengo, in piena pianura padana, lontano dal mare e dal Po. Il giovanile entusiasmo per le tecnologie avanzate mi fece restare a bocca aperta entrando nel grande capannone dove c’erano in costruzione barche da quindici metri in vetroresina…

Menaide e vuzzarielli di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2013

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, La marineria di Torre del Greco

Discussione2 Comments

  1. maria ha detto:

    ****Salvatore carissimoooooo!!!

    Impossibile battere sulla tastiera //la grande gioia di leggereMenaide e vuzzarielle…..cio’é sprimere con parole quello che il cuore infiammato “direbbe”segnasse a una a una, le vocali, le consonanti..punto é virgola………
    ****Sapessi come batte il cuore …ma come!!!!mi porti per i mari dei ricordi….
    la bella marina grande a Sorrento….I masti!!!!….segnali Aprea….”via del mare 35” l’indirizzo …….mi appare come se oggi fosse —-stare affacciata sul balcone che affaciava il percorso che veniva da Mast’Aprea .”o’buzzare””…per **fare il battesimo di una barca a vela….splendida in tutta ——-il legno lucido daba anchor piú luce alla vela ….gonfiatta dolemente dalla brezza marina ,sul’azzurro de l mare in fondo il “gigante””…….testimone …custode …Signore é padrone della costiera ————Paradiso ….gloria ,gloria a coloro che vestivano il mare con il mestiere che dalle loro mani inspirava il dissio dei marinai andando alla pescha favolosa ….che contava non puí di pochi pesci…..prezzati come se ogni grammo fosse l’oro di napoli……Perche era il laboro gionaliero che poi le brave donne ….ma braveeee—-co’´spasielle andavano “ncoppe ….a vendere!!!.
    I marinai—–sistimare ,pulire ,dato che in un paio d’ore si ri—tornava Menaida ,vvuzzarielle ..rete ……..il rito …il rituale …guagliuuu…á chiammata all’alba …..comme sentite nnterra ca sino(¡?) o ‘ tiempo para buone …allistite é cooffe………gueee Tatoo lunirí faccimme a culate da tente p’ee resse…mmmii i capite?———–
    ——–gentili carissimi Salvatore -Aniello grazie tante ,atante .
    Maria

  2. Silvio Falato ha detto:

    Il racconto è una macchina da presa che si sofferma con acribia su tutti i minimi particolari. Affascinano l’incisività del linguaggio e la precisione con cui sono descritte tutte le azioni: ciò è miracolo prodotto dall’amore verso le proprie cose e dalla loro continua presenza nel pensiero e nei sogni. Veramente, complimenti!

Aggiungi un commento