Commedie di Giulio Caso

Inserito da: · aprile 12, 2013

Presentazione
Uno dei compiti principali di un commediografo è quello di agevolare l’immedesimazione dell’attore nel personaggio che va a rappresentare, da qui nasce l’importanza di creare una chiara ambientazione già sulla carta. Durante la lettura i personaggi si sveglieranno dal sonno amletico, si
ritroveranno nel loro ambiente e saranno pronti a rivivere sulle scene. Non sempre ci sono riuscito, ma ho tentato, ed è già tanto.
Pure emozioni hanno forato gli anni, travalicando ricordi adimensionali, senza collocazione nella vita vissuta eppure reali, tanto da stimolare il pianto liberatore, ma esso è rimasto in gola come un singulto d’amore inespresso. Solo gli occhi lucidi si aguzzavano, sforzandosi, di richiamare immagini mai viste, forse, ma perché, perché le ritrovo nella mia mente? Mistero dei sogni di vite parallele plagiate da sensazioni che rivivono e ci accomunano al di là del tempo.
G. Caso

Commedie – Di Giulio Caso – vesuvioweb 2013

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Teatro letteratura e folklore

Discussione2 Comments

  1. maria ha detto:

    Pasquale – Appunto, devono mettere pace, chesto
    Isso (guarda al cielo) nun ‘o ffa.
    Ciccillo – Chi sta ‘ncoppa a noi aspetta che nuie
    capimme da sul’ qual’è a via justa. Siente Pascà a
    vote nu’ gesto po’ cagnà ‘o munno, cantammo va: “
    ‘O sole mio….(prima sottovoce e poi in leggero
    crescendo seguito da tutti man mano che si
    svegliano).
    (A un certo punto Pasquale zittisce tutti).
    Pasquale – Zitti, zitti, ci sono! ci sono! Chesta è ‘a
    via. Accuminciammo da capo: (canta ispirato)
    Fratelli d’Italia. (Gli altri lo seguono e si
    dispongono quasi per andare a conquistare la pace,
    a convincere gli altri che siamo tutti uguali. Anche
    fra il pubblico, alcuni attori complici, se ce ne fosse
    bisogno, iniziano a trascinare tutti a cantare.

    Carissimo Giulio Caso.”lode a lei ed alla sua bravura nel disegnre i personaggi che sono presi della “cotideanita “del vivere giornaliero.
    ..——–Mi fermo nel brano sopra…..Fratelli d’ITALIA……(….)LE MIE PAROLE STANNO DI PI’U **GRAZIE CARO É GENTILE —-GIULIO CASO.
    cordiale saluto
    Maria

    • Giulio Caso ha detto:

      Gentile Maria,
      mi scuso per il ritardo, ma ciò non mi esime dal ringraziarla per le sue lodi frutto anche della sua bontà nel considerare questa mia commediola. La saluto con simpatia e cordialità.
      Giulio Caso

Aggiungi un commento