Discussione4 Comments

  1. marisa ha detto:

    Piacevole racconto della vita di un luogo tante volte narrato e rimpianto per cui labili sono i confini tra racconto e sogno.
    Narravano i miei della generosità di un Palumbo, che ad una famiglia ex benestante, caduta in bassa fortuna, continuò a mandare ogni domenica la “bomba gelata” che il capofamiglia gravemente ammalato aveva avuto l’abitudine di comprare.
    Per me il caffè Palumbo erano le cassatine e gli spumoni superbi che andavamo a prendere nelle grandi occasioni, e che arrivavano a casa nelle forme di metallo.Il guscio gelato di caffè, nocciola, cioccolato, fragola e limone e il cuore morbido e delizioso di “crema pumpié”(plombières).E chi se li scorda più?

  2. Cosimo ha detto:

    “La villa aveva un fondo di ampia grandezza, oggi Villa Comunale, che
    appare sulla destra del visitatore che viene da Napoli. Accogliente col suo
    verde, la sua fragranza, la sua luce, la sua aria e la splendida bellezza del
    panorama che si ammira dal grande terrazzo sul mare.”

    Senz’altro uno dei luoghi più rappresentativi di Torre.

    Bravo Raffaele!

  3. maria ha detto:

    Giuseppe Raiola nacque a Torre del Greco il 26 aprile 1897 ed ivi morì il 31 marzo 1982. Giovanissimo si arruolò tra i “Cacciatori delle Alpi” e successivamente fra gli “Arditi d’Italia”, lui, figlio di una città di mare.
    Di temperamento mediterraneo, amante della Patria, fu sempre in prima linea e più volte decorato, riportando una medaglia d’argento al valor militare. Più volte catturato e fatto prigioniero, fu ferito gravemente a Vittorio Veneto e spedito a Fornaci di Barga, ove, stabilitosi nel 1919, compose “Quann è primmavera”. La primavera gli ispirò tante belle canzoni e proprio in primavera volle morire. Il primo componimento risale al 1913 “Canta” su versi di Paolo Perilli di San Giuseppe Vesuviano.
    Dopo la guerra, tornato a casa compose tante altre belle canzoni e, la tabaccheria di suo padre, in Via Cappuccini, divenne il polo per gli artisti del tempo: D’amato, Mennella, Mazza, De Corsi, Tagliaferri, Cioffi. Nel 1921 vinse il Primo premio assoluto con la canzone “Miglio d’Oro” ad un concorso organizzato dal Principe di Santobono.
    In più il Conte Matarazzo nominò il giovane Peppino direttore del “coro dei maestri cantori” di Torre del Greco. Il gruppo musicale riscuoteva grande successo, tanto che un giorno a Piazza Plebiscito Raffaele Viviani chiamò in disparte Peppino dicendogli: “Guagliu’, o ve ne jate vuie, o me ne vaco io!”. (…)
    Dal 1933 al 1937 per ben cinque volte consecutive vinse lo speciale Primo premio della Piedigrotta napoletana. Erano i tempi in cui si affermavano E. A. Mario, Bovio, Lama, Tagliaferri, Pisano, Cioffi, Cinque, Gill, ecc. A Giuseppe Raiola mancò quel pizzico di opportunismo, perché era franco e leale e non accettava imposizioni e condizionamenti. Non risultando iscritto al partito fascista, e tanto più privo della tessera, incontrò enormi difficoltà ad entrare nel giro de

    ————cordiale saluto…bellissimo ricordo!!!
    Maria

  4. vvere è rcordare di sè e di altri!….Grazie vivamente. R.giallauria

Rispondi a maria

Cancella risposta