02 – Giulio Cesare Cortese

Inserito da: · maggio 24, 2013

Volume secondo

*** La Vaiasseide
La Vaiasseide è un poema in cinque canti, scritto in gloria delle vaiasse,
le serve e le donne popolane di Napoli.
La presente edizione comprende note chiarificatrici del testo alla fine di ogni canto
Sono narrate le vicende delle ragazze napoletane per maritarsi e della vita loro coniugale.
Il poema è ricco di riferimenti agli usi e costumi, alle feste e al modo di vivere dell’epoca.

So’ le bajasse de chesta Cetate
E quanno jocarelle e broccolose
Massema quanno stanno nnammorate:
Dirraggio po l’autre isce belle cose
Che fanno quanno songo mmaretate:
Ma non faccio li vierze ntoscanese
Azzò me ntenga ogn’uno a sto pajese.

E quanti suggerimenti e consigli allusivi alla sposa.
I consigli della suocera:

Mo che me l’allecordo, e non me ‘ncresce,
Te dico, figlia mia, tu no’ scopare
La casa toia quanno marìteto esce,
E non volere ‘n tierzo manco fare
Lo lietto, né pigliare maie lo pesce
Pe la capo, e se te vuoie sfommecare
Jetta lo fuoco fora la fenesta,
Ca nullo male agurio po’ nce resta.
*** Defennemiento della Vajasseide
di Bartolomeo Zito, il Tardacino
Contra la Cenzura de l’Accademmece Scatenate
Dove si racconta l’innamoramento di Giulio Cesare Cortese per una dama fiorentina,
quando viveva presso il duca di Toscana.
La dama non gradiva le reiterate profferte d’amore del giovane Cortese,
fin quando non lo colpì sulla spalla con una scarpa.

Le scarpetelle (ora lloco te voglio)
Chi vidde maie la cchiù attellata cosa?
Dimmelo a me. ch’ancora me ne doglio,
Perché a ste spalle n’aviette na ntosa.

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Letteratura napoletana del 1600

Aggiungi un commento