03 – Giulio Cesare Cortese

Inserito da: · maggio 31, 2013

Volume terzo
***  La Rosa
Favola Posillichesca, o boschereccia, come i direbbe un toscanese. Mase ama Lella ed è amato da Rosa. Un intreccio amoroso che ci riporta ad una atmosfera elegante della Napoli del 1600.

Susete ed iesce fore
Da sso cafuorchio, o Mase;
Priesto ca mo la notte se ne trase
Cha gamme ncuollo nne la fa fuire
L’arba novella che se vede ascire.

*** Li Travagliuse Ammure de Ciullo e Perna
Romanzo in prosa che narra le avventure e le peripezie per terra e per mare, tra pirati e naufragi, di due innamorati. Alla fine giungono al matrimonio per la bontà del granduca di Toscana

Già la notte, che aveva fatto spalla a li trafeche de li nnammorate e a le mmarcangegnie de li mariuole, era secotata da li sbirre, e l’aucielle pe coppa le cimme dell’arvole gridavano para piglia, quanno……

*** Le Lettere
Scritti vari

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Letteratura napoletana del 1600

Aggiungi un commento