La necropoli romana di San Vito a Pozzuoli di Aniello Langella

Inserito da: · maggio 10, 2013

La necropoli romana di San Vito a Pozzuoli

Di Aniello Langella

“… la Chiesa della Nunziata, si pruova che la città non estendevasi oltre a questo luogo dalla parte di settentrione. Ciò posto, essendosi notata la direzione della strada da Napoli a Pozzuoli, gioverà istruirsi, per ben capire la situazione de’ suoi contorni, del cammino delle strade, che da Roma conducevano nella stessa Città. Due furono tali strade, l’una mediterranea , che è appunto la Campana accennata di sopra, e l’altra marittima. La prima fu consolare, e fu per dir cos’i una prolungazione della via Appia,…”

La Necropoli romana di San Vito a Pozzuoli – Di Aniello Langella – vesuvioweb 2013

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia

Discussione4 Comments

  1. maria ha detto:

    In epoca romana le aree sepolcrali erano generalmente situate in zone periferiche o lungo le strade d’ingresso alle città. La necropoli di via Celle è nella zona alta della città di Pozzuoli, poco distante dal quadrivio dell’Annunziata. Le strutture rinvenute, databili tra il I secolo a.C. e il II d.C., accoglievano le spoglie sia di cittadini abbienti, sia di puteolani appartenenti a ceti più umili. La camera sepolcrale, il colombarium, presenta piccole nicchie ad arco in cui venivano disposte le urne cinerarie dei defunti. In via Celle, così come in via San Vito (nei pressi di via Campana), oltre ai tipici colombari sono visibili anche dei mausolei, edifici funebri a più livelli e solitamente commissionati dalle famiglie più facoltose. Non lontano da via Celle, lungo la “variante Solfatara”, presso via Vecchia delle Vigne sono emersi nuovi ambienti adibiti al culto dei morti. Qui sono affiorati anche i resti di un santuario probabilmente dedicato a Ercole e il mausoleo del medico Menander.
    Altri siti di necropoli romane sono stati individuati nell’attuale comune di Quarto. Lungo l’attuale via Brindisi, che si stacca da via Campana in direzione di Marano, è stata scoperta un’interessante cimitero prossimo ad una villa rustica. Il complesso presenta tre mausolei in parte interrati, alcuni triclini a cielo aperto e altri ambienti ancora non del tutto identificati. Tra le varie strutture, grande interesse suscita una tomba a cuspide piramidale – la Fèscina – forse appartenuta a una nobile famiglia di origini orientali.
    ——grazie Aniello.
    cordiali saluti
    Maria

  2. Silvio Falato ha detto:

    Belle testimonianze di elementi di civiltà che vanno continuamente rivisitati affinché la polvere dell’oblio non si impossessi di loro. Grazie e complimenti.

  3. renato boscaino ha detto:

    Che aggiungere ancora dopo aver gustato appieno queste dotte spiegazioni ed illustrazioni di luoghi legato al culto dei morti. Prevale il rispetto e il misticismo di quel civilissimo popolo campano. Si noterà senza dubbio la speranza che essi nutrivano dopo il percorso terreno ed è assente l’aria lugubre di tali ambienti,quasi una serena continuità della vita ,che la morte inesorabilmente interrompe . Purtroppo la ignoranza e la cupidigia hanno fatto sì che molti arredi architettonici e non solo, sono scomparsi alienati, venduti per il vile mercato antiquario . Ma la tristezza è che le nuove generazioni non si preoccupano del tutto , le ignorano se non addirittura le reputano inutili. Sta quindi a chi è preposto alla conservazione di tali beni, promuovere e suscitare in essi il rispetto e ‘òòamore per le vestigia del passato M° Renato Boscaino

    • Vesuvioweb ha detto:

      Caro Sig. Renato, la ringrazio per il suo accorto commento. Noi di Vesuvioweb da anni raccogliamo le testimonianze salienti della Cultura Vesuviana, cerchiamo di conservare il conservabile; tentiamo di trasmettere ai nostri lettori il desiderio di tutelare almeno nei documenti che editiamo, il grande patrimonio a noi lasciato. In migliaia di pubblicazioni che lei potrà leggere nel nostro portale, sono racchiusi gli sforzi di fare ciò ed è per questo e grazie alle centinaia di Collaboratori, che il nostro portale è recensito in Italia, in Europa ed anche all’estero. Tutto ciò fatto grazie all’impegno gratuito e completo di chi collabora con noi.
      Le sue parole mi paiono molto appropriate al tema.
      Partecipi anche Lei a questo grande ed appassionato “gioco”
      La ringraziamo
      La Direzione di Vesuvioweb

Aggiungi un commento