LA PESTE DEL 1656 A NAPOLI 4^ PARTE

Inserito da: · maggio 24, 2013

LA PESTE DEL 1656 A NAPOLI

Di Salvatore Argenziano e Aniello Langella

Appunti di storia

Aspetti storici, sanitari, religiosi e curiosità

“Un basmento carico di cuoi e di altre pelli, provvenente da Algieri portò la peste in Valenza”. Da quella Spagna (1) nel 1647, dove le condizioni  igieniche e sanitarie erano sovrapponibili nella sostanza all’Europa di quel secolo, si sarebbe acceso il focolaio. La nozia le)a in “Napoli nell’anno 1656…”

La peste giunge in città

La peste a Napoli – Prima parte – vesuvioweb 2012 – 1

SECONDA PARTE

Fosse, pozzi e chiavicone

La peste a Napoli – Seconda parte – vesuvioweb 2012 – 2

TERZA PARTE

I sintomi, i rimedi, la medicina di quei tempi

La peste a Napoli – Terza parte – I rimedi contro la peste – vesuvioweb 2012 – 3

QUARTA PARTE

La città dopo la peste

La peste a Napoli – La città dopo la peste – vesuvioweb 2012 – 4

 

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, La peste del 1656, Storia

Discussione12 Comments

  1. maria ha detto:

    Commovente racconto storico -della Terribbile peste a Napoli:

    Vogliate gradire i miei distinti *ringrazzii*per dare a luce codesto testimone in parola scritta ,ove si legge con molta cura cuei terribbili successi dell’anno 1656.

    —-Anche *complimenti *per le fotografie tanto chiare ,tanto adatte ,tanto cinematogriffiche ……fanno nel discorrere della web **un film*storicoverace,commovente preciso di ogni situazione e commento.

    ………..grazie amici tanto cari-
    Della collana Vesuvioweb*lode alle gemme preziose incoronate nelle teste brillanti dei caro Aniello//Salvatore ed tutto lo staff.
    ——-grazie
    cordiale saluto
    Maria

    • Aniello\Salvatore ha detto:

      Parlare di questi temi è come toccare il cuore della gente semplice che al pari dei ricchi, soffriva e pativa le pene dell’Inferno in attesa di morire. Un argomento che attrae per la sua drammaticità e per la sua crudezza. Noi ci proviamo e grazie al tuo commento ci sentiamo gratificati e pronti ad andare avanti. Grazie ancora da parte mi e si Salvatore

  2. Silvio Falato ha detto:

    Il realismo e il valore della ricerca storica sono espressi con maestria dalla discrezione con cui i due autori presentano l’argomento. Ad essi va un ringraziamento doveroso, in quanto hanno saputo ben raccontare eventi non meno importanti di quelli che descrivono la peste di Milano; i nostri eventi sono finiti nel dimenticatoio e sono ritenuti indegni di essere studiati a scuola dalle nuove generazioni, solo perché interessano un territorio dimenticato da Dio e dagli uomini.
    Complimenti e grazie.

    • Aniello\Salvatore ha detto:

      Il racconto della peste è uno dei momenti storici della nostra terra, che vogliamo affrontare con semplicità e renderlo appetibile. E’ questa operazione che a mio avviso diventa ardua: rendere semplice un argomento di così grande rilevanza. I tuoi complimenti e le tue considerazioni ci spronano ad andare avanti. Grazie da parte mia e di Salvatore.

  3. marisa betrò ha detto:

    Ho finito ora bulimicamente di divorare. Poi rileggerò con calma: Salvatore e Aniello( a proposito, auguri per ieri!), che vi devo dire? Avete orchestrato un lavoro bellissimo. Chapeau!

    • Aniello\Salvatore ha detto:

      La peste è un argomento che evoca scenari apocalittici e questo termine è il più appropriato per un evento così drammatico. Sarà il suo intrinseco valore storico, sarà la sua stessa drammaticità che impone schemi descrittivi opportuni. Noi ci proviamo. Grazie Marisa. Il tuo commento ci sprona a fare sempre di più.

  4. maria ha detto:

    Gentili é cari amici:Aniello *Salvatore

    Le immagine parlano da solo….la lettura completa il racconto vero di quella peste a Napoli…………ahimee ,ma quanto dolore !!!perche(¡?) dalle volte mi domando..-ma non trovo una risposta verosimile ad una crudele storia che voi ci date in questi capitoli che non fanno altro che **ri-accender*la fiamma che mai si spegne….sempre accesa come una scintella che…..appena ,appena il dolre non superato fa alzare la fiamma….

    ————Mi viene silenziare la voce…….per rispetto a tante anime incoronate nel disdiio della crudela aventura chiamata …peste a Napoli 1656.

    *complimenti per le immagini* mettono lo’scenario preciso di un film
    cordilale saluto
    M.E.

  5. Giovanni ha detto:

    Mi associo alle considerazioni dei molti intervenuti. Una lettura appassionante e perfino “accattivante” per la “semplicità e leggerezza” con cui sono presentati fatti tanto drammatici e dolorosi in modo inenarrabile, i quali, mano a mano che scorrono tra racconto e immagini, coinvolgono direttamente sino a prendere allo stomaco, a far male al cuore ( sono stato costretto a immedesimarmi, per es., nella cruda necessità di liberarsi dei corpi dei propri cari, compresi figli e genitori!…). Per me poi, che ignoro del tutto, l’evento, il suo racconto mi ha coinvolto maggiormente. A proposito, ho trovato molto “rilassanti” gli intermezzi in versi…Complimenti a entrambi. E grazie.

    • Aniello\Salvatore ha detto:

      Grazie per il commento. A solo titolo di chiarimento, voglio dire che questo argomento, letto dalle fonti è drammatico, terrificante. Noi oggi conosciamo tutto o quasi di questa malattia e restiamo sgomenti davanti a fatti del genere. Lo scenario dei corpi ammassati come oggetti dei quali liberarsi in fretta rievoca l’Inferno. Grazie ancora per i vostri commenti

  6. Silvio Falato ha detto:

    Testimonianze storiche e letterarie che non hanno nulla da invidiare agli scritti autorevoli che ci impongono a scuola. Peccato che siano riservate a pochi! Complimenti comunque per gli arguti commenti.

    • admin ha detto:

      La peste è un tema importante. Riuscì a condizionare un intero sistema politico, militare e religioso. Nessun membro di questi ambiti ne fu risparmiato. Oggi abbiamo emergenze simili e non riusciamo a vederle. Ma la cosa triste è che sappiamo che queste emergenze ci sono. Si vedano ad esempio le mutazioni del genoma virale di alcuni patogeni. Questi sono pronti a decimare anche milioni di individui e a tutte le latitudini.
      Grazie Professor Falato per il tuo commento. Lo prendiamo come sprone a fare sempre meglio.

  7. maria ha detto:

    Prendo le paroleSi vedano ad esempio le mutazioni del genoma virale di alcuni patogeni. Questi sono pronti a decimare anche milioni di individui e a tutte le latitudini.———Aggiungere L’industrai farmacologica…unáltra causa di peste che uccide allinsaputa …..generando milioni nelle loro arche…….fomentandone la dipendenzza di tale o quale ……Una vera peste programmata spesso nei continenti poveri …..ove la paste si veste di tanti colori…Il battere si veste ..indebbolisce ..si-riveste….facendosi piú potente…mentre che l’umano piú debbole….gli organi attachati da questa”peste”gía non possono piu cambattere…solo battere le porte …….di coloro che non vogliono sentire ..
    la ringrazio ai componenti della Admin

Aggiungi un commento