01 – Giulio Cesare Cortese

Inserito da: · maggio 17, 2013

Volume primo

   —   Micco Passaro nnammorato

Micco, innamorato della serva Grannizia, si arruola nelle truppe dirette negli Abruzzi per debellare i banditi che infestano la regione.

Io canto chelle brave cortellate
Le ffente, li revierze e li scenniente
Li forte stramazzune e le mbroccate
de lo sciore dell’uommene valiente
E chill’ammure tanto nnommenate
Da quanta foro, e so’ ricche e pezziente,
De chillo ch’è smargiasso perzì muorto
Micco Passaro nato mmiezo Puorto.

   —   Lo Cerriglio ncantato

Il poema è dedicato alla famosa Taverna del Cerriglio. Sarchiapone scatena una guerra per la conquista della fortezza del re Cerriglio.

Io canto chelle fforze, e chelle pprove
Che fecero ciert’uommene valiente
Cchiù d’Orlanno, cchiù d’Ercole e de Giove
Anze a paro de chisto non so’ niente
E dico ancora commo fuieno nove
Chiste e se steano a spizzolà li diente,
E feceno ntra loro no consiglio
De ire a conquistare lo Cerriglio.

   —   Viaggio di Parnaso

Dove l’Autore si reca per sostenere una tenzone poetica contro i poeti aulici del Seicento. Vince la gara e incontra Ovidio, Boccaccio ed altri poeti.

Scomputo ch’appe Apollo de magnare
Non comme fanno cierte cannarute
Che de nchire la panza fi a crepare
Teneno pe grannezza e pe bertute
Ma quanto vasta schitto pe campare
Commo fanno la gente cchiù sapute,
Jezemo nuie perzine a lo Teniello
A bedere s’è sano lo vodiello.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Letteratura napoletana del 1600

Aggiungi un commento