Umberto Vitiello racconta Michele Prisco, scrittore

Inserito da: · maggio 31, 2013

“La Provincia Addormentata”
da
“Gente del Vesuvio”

“… Allora nulla più riesce a trattenermi e ritorno a Trecase lasciando il mio corpo percorrere solitario le strade della città, nell’ora in cui le macchine innaffiatrici fan pulito il selciato e una nostalgia di brezza solleva sui tavolini dei caffè lungo i marciapiedi le tovagliette telate. Io ritorno a Trecase, son le mie vacanze del cuore. Presso i pini del Viuli c’è una casa che un tempo fu nostra, anni fa, quand’ero ancora ragazzo, ed è vecchia, cascante, assai malandata: forse sulla veranda ci sono tuttora sulle pareti i nostri nomi a matita, e le frasi d’arrivederci e le date che ad ogni fine di villeggiatura
segnavamo, con una vacua ilarità ch’era invece il rimpianto del distacco…”

Michele Prisco – La Privincia Addormentata a cura di Umberto Vitiello – vesuvioweb 2013

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Umberto Vitiello

Discussione2 Comments

  1. maria ha detto:

    Nella casa piena di quadri, cimeli e ricordi il grande silenzio è interrotto .soltanto dalla sua voce e dalla breve irruzione del piccolo Francesco. Michele Prisco il più autorevole scrittore napoletano si muove con cautela tra le testimonianze che gli ricordano i passaggi di tutta una vita; in contrasto con la voce pacata,gli occhi sottolineando le risposte, hanno la luce febbrile dell’irrequietezza. Dal suo primo libro ad oggi, ininterrottamente legato alla casa editrice Rizzoli, Michele Prisco ha pubblicato una ventina di romanzi, tanti racconti, migliaia di articoli per giornali che includono il “Corriere della sera” “Il Mattino’’ e “Oggi” per il quale è stato critico cinematografico per oltre dieci anni. Ha conquistato decine di premi tra i quali il Premio Strega, il Premio Viareggio, il Premio Napoli e con il suo ultimo romanzo “Il pellicano di pietra” il Premio Campiello. Il Premio Campiello non conquistato ti ha provocato una delusione? Anche se la mia partecipazione era stata segnalata da tanti giornali come una vittoria annunciata mi aspettavo di arrivare secondo dopo Enzo Bettiza meritatissimo primo premio. Invece sono arrivato terzo! E’ stato portato al secondo posto Roberto Cotroneo con “Presto con fuoco”… Mi è rimasta quest’ombra… è come se qualche grande vecchio avesse avuto paura… In ogni caso ho vissuto molto sportivamente questa vicenda: alla mia età un premio in più o uno in meno non cambia molto. In compenso “Il pellicano di pietra” ha vinto il premio Viadana, che, se consiste in una targa all’autore, prevede un assegno di cinque milioni dati alla casa editrice perché compri copie del libro. Da La provincia addormentata 1949) a Il pellicano di pietra (1996) hai sempre pubblicato con la Rizzoli costituendo un caso più unico che raro di fedeltà ad una casa editrice… Infatti. Quando morì Moravia però fu scritto che era stato l’unico scrittore a pubblicare sempre con lo stesso editore (Bompiani) invece c’ero anch’io. Quanto sono cambiate negli anni le case editici? Sono molto cambiate. Una volta, come si usa dire, erano a dimensione umana, oggi sono piuttosto delle holding in cui nessuno sa quello che fa un altro. Ciascuno conosce soltanto il proprio compartimento. Ho addirittura il sospetto che non abbiano letto i miei libri senza parlare poi del mio passato, sconosciuto a più di un funzionario tant’è che quando per un articolo a tutta pagina sull”’Osservatore romano”, è stato richiesto il mio curriculum, ha provocato molte sorprese per tutto quello che ho scritto finora… Oggi esiste il marketing che per me è deleterio. Le case editrici non sono più quelle di una volta, anche perché ci sono troppi premi che vogliono gestire come il vigile urbano il traffico: “Questo va di qua, quest’altro andrà di là e così via”. Per fortuna non è il caso della Rizzoli! Qual’è il tuo rapporto con la tua casa editrice: sei sollecitato a scrivere o aspettano che tu proponga un libro? Sono assolutamente libero……………….

    Gentile e caro Humberto “la ringrazio”per rilevare questo grandissimo personaggio tanto caro .
    coraiale saluto

Aggiungi un commento