Andrea Maldacena il corsaro di Torre del Greco, di Enrico Parola – Terza parte

Inserito da: · giugno 29, 2013

Andrea Maldacena il corsaro di Torre del Greco

Di Enrico Parola

“Leggenda della Statua della  Madonna di Santa Maria di Costantinopoli” liberamente ispirata ad un racconto di Francesco Balzano. Epoca dei fatti: XVI secolo…”

Un’avvincente storia fatta di racconto, di fantasia, di devozione alla Madonna e di tanto amore per la città.

01 – Maldacena – Di Enrico Parola – vesuvioweb 2013

02 – Maldacena – Di Enrico Parola – vesuvioweb 2013

03 – Maldacena – Di Enrico Parola – vesuvioweb 2013

 

 

Discussione16 Comments

  1. Cosimo ha detto:

    Nell’introduzione si legge: “Vulisseve sapé tutto chello ca succerètte,
    è overo? Chi era Maldacena
    e ccumme facette a ppurtà cca
    a statua d’a Maronna?
    E allora mo v’u ccónto6
    io,
    chianu chiano
    cumme è gghiuto e ccumme è stato.
    Stateve cuieti e ausuliate7”.

    Quieto sono stato e ho “ausuliato”, ma del Maldacena non
    se ne parla più di tanto in questo racconto.
    Che significa ciò?
    Qualcuno sa piegarmelo?

    Cosimo
    .

    • enrico parola ha detto:

      Ciao Cosimo: grazie per aver letto parte del libro pubblicato sul sito vesuvioweb .
      Nel libro il nome di Andrea Maldacena viene riferito spesso e il personaggio appare alla fine del racconto ( un’attesa voluta da chi scrive). In una delle note, viene riportata la pagina del libro dello storico Francesco Balzano ( 1688 ) dove è descritta la vicenda che vide protagonista Andrea Maldacena come colui che portò a Torre del Greco la statua della Madonna di Santa Maria di Costantinopoli.
      Vorrei solo ricordarti che presenterò il libro domenica pomeriggio19 Maggio nello spazio all’aperto del piccolo Museo della marineria Torrese ( edifico della stazione FS di Torre del Greco) . un cordiale saluto : enrico parola.

  2. maria ha detto:

    “a ninnanonna e a nunnarèlla,
    ca u lupo s’ha mangiato a pecurella…………..

    GEentile a caro amico :Di Enrico Parola,la ringrazio caramente per il dialetto torrese tanto bello da leggere ed ricordare………
    come:E nonnanonna e nonnunnarella/ó lupe s’emangiatte a pucurella
    e nonnanonna e nonnannunnarella adduermete bella cha mammma te cantaa…te cante na na bellaaacanzone….mmnnnnn…..

    grazie,per l’edditoriale molto precisa,come sempre”complimenti”

    ———cordiale saluto
    Maria

    • enrico parola ha detto:

      Gentilissima Maria: grazie per aver letto parte del testo come appare sul sito vesuvioweb. In verità ho precisato nelle avvertenze che le “ninne nanne” sono tratte dalla tradizione popolare napoletana e le ho trascritte nel testo perchè appartengono alla nostra infanzia ed alla nostra cultura popolare. Spero che sul sito ci saranno altre pagine del libro che andrò a presentare domenica pomeriggio19 Maggio nello spazio all’aperto ( sono preoccupatissimo per le condizioni meteo 🙁 del piccolo Museo della marineria Torrese, da me fondato insieme agli amici della Lega Navale.

  3. maria ha detto:

    **Gentile Enrico**:hai fatto molto bene a trascriberle,le ninne nanne!il solo rotornello ci porta quasi direi al gembo della nostra Mamma….alla dolcezza pura che ,strigendo il bimbo …lo si culla dolcemente…ed il ritornello appare…come si congela l’istante in una fotografia …..poi il volare degli anni ….ed cosi,come per incanto….la mente lo ri-porta ,ed il gaudio della nostra infanzia e della nostra cultura.

    —–Spero che vi appariranno delle altre sul sito,ma,caro Enrico non preoccuparti per meteo….no.no.stai sichuro che vi splenderá un gran sole di maggio,nu poche e ventarielle …l’addore che porta o mare…….é che vuó chiú.—nu manduline che fa l’aria nbalsamata………ed La Mostra del tuo libro Splenderá.

    ****Tanti Auguri!!!a tutti i soci fondatori della Lega Navale.

    ………cordiale saluto

  4. maria ha detto:

    Gentile Enrico:fammi sapere com é andata “LA PRESENTAZIONE DEL TUO LIBRO”…………come si comporta “meteo”sprero che il sole spelnda!!!
    cordiali saluti da
    Maria (arg)

  5. maria ha detto:

    ……..aaahhh…..le immagini del racconto mi sembrano *vive*sto inmezzo alle donne aspettando le coralineeee……sperando che si fermi la tempesta,per vedere tornare i nostri uomini….gioe e dolori della vita nostra aaahhh….permetetemi di svuotare in un grande soffio d’aria che dal profondo mi viene ,come per calmare il dolore (ora…)della loro mancanzza——-Caro Enrico i tuoi versi il dialetto musicale……mi trasportarono ,mi depositarono nella marina,sopra la sabbia nera é fradda ove in un lamento tremoloso non,facevo altro che stare a sentire i tuoi pesonaggi che erano anche i miei……
    ……..Ricordo che papa mi diceva:Marí ae tiemmpe nueste….sa che diceva mamma quenne c’é chiammave a primma notte…..gueeee ….susiteve iammeee neee ….nun fa niente cha fa malu tiempe….tronere,saette emme!!Vuie ida sta semmmpe a’mmm aare———–casinó che dicene late marenare ,cha tenite paura…paura!!!!no,no e pescature de parte noste nuno’sanne che re a paure,Vuuii site e figl’e mariecapunielle,facite onoreee ehhh………
    ——-Grazie per mettermi nel mare dei ricordi
    ——-Coplimenti per il verbo parlato ntessute d’acquaémare/corali e brava gente.

    cordiale saluto

    • enrico parola ha detto:

      Carissima Maria: mentre ti scrivo, fuori si sta per scatenare una tempesta e le parole di tuo padre sono bellissime e quanto mai appropriate alla serata.
      La presentazione del libro è andata benissimo ed erano presenti circa 200 persone. Il tempo perfetto ( non a caso si parlava della Madonna di Costantinopoli ..ed ero raccomandato in diretta dal cielo). grazie di tutto e ora devo lasciarti perchè la tempesta si avvicina e forse mancherà la corrente. un caro saluto : enrico

  6. Cosimo ha detto:

    Pongo l’accento sulla presentazione del gruppo di donne che si reca vicino al mare in tempesta, sapendo che i loro uomini erano senz’altro in grosse difficoltà.
    A Torre le donne hanno sempre avuto un ruolo preponderante, di grande responsabilità.
    Coi mariti assenti, spesso per lunghi periodi, esse hanno dovuto assumere piccoli e grandi problemi e risolverli da sole o in gruppo, senza poter neanche contare su una qualsiasi comunicazione a distanza.
    Spesso si diceva che “portavano i pantaloni”.
    Per forza! Lavorare in gonnella era cosa non facile!

    • enrico parola ha detto:

      Ciao Cosimo: hai perfettamente ragione, le donne torresi si sono fatte valere e lo confermano nel libro Carlo Boccia Aniello Langella e Giuseppe Sbarra che hanno curato la prefazione del libro. W Torre . un caro saluto ..enrico parola

  7. maria ha detto:

    grazie Enrico:spero di leggere nella web quache brano del tuo libro.
    grazie per il tempo que metti nel risponderci molto gentile!

    ———–riguardo le parole di papaaa! come tutto il resto del verbale dei nostri antenati erano ***pozzo di saggezza!***ed il timone per andare avanti in una societá per niente paragonata……Papa a distanza del tempo é l’essere che ordina la mia vela nei momenti di tempesta ,la fa girare per non andare contro…mi permette di andare nei mari ove il marinaro dialoga con il vento,….gli parla a tu per tu….fratello vento non ti increspare ….dai…fammi trovare la riva….l’altro che mi sostiene …..la carica pesa …,non farmela robesciare nei mari perduti……..ove la disranza farebbe perdere il **calore**dei suoi desideri ..il freddo gelo dell’indifferenzza …………tene pregho portami in terra ferma…sparghi la calma in tutti gli oceani la ricca rete viene pienaaaaa…uueeee —tiiireee a cimmeee ….guagliuuuu stamm nterraaaaa boga.booooo.

    • enrico parola ha detto:

      carissima Maria: tuo padre deve essere stato una persona eccezionale e le tue considerazioni molto belle da leggere. un cordiale saluto: enrico parola.

  8. maria ha detto:

    Gentile Enrico,carissimo scrittore………….si,come bene dice e scrive lei,molte volte si sentono degli angeli volare a noi intorno,qualchevolta anche il venticello delle alli che si fa sentire sul viso………quella brezza che sa di “santita”pur che non sia del tutto santo,ma,come per incanto ci appare ,cogliendo l’attimo tutto per noi ,egoistamente tutto per noi…”il tesoro”di quella entita ,angelo ,quel nome o quella presenza che senza viso senza nessuna qualita materiale ci fa sentire che stimo vivi ,ove il negativo si cancella per far salo vivere “la maggia “….questo lo possiedono solo gli umili,y chiamati poveri di spirito,gli ultimi a sedersi intorno al crato …………..gli ultimi che sarranno i primi ………..

    ………..Grazie buone vacanze stive,buona stanza con se stesso,con il genio della parola che poi torna racconto,fantasia ,storia,faccia volare la sua vene scrittrice per continuare a seguire donandoci il piacere della letura ,il piacere della lettura in dialetto cosi caro ed cosi bello che lo si degusta come un dolce ,un dolce per l’anima.nuovamente lo riongrazio ,anche ai programmatori della bellissima edizione .le immagine sono molto belle ,le barche stanno serene sperando solo gli angeli per ritornare nel’infinito.,quelli tre creature resteranno solo nella nostra memoria.

    cordiale saluto Maria

  9. Giuseppina ha detto:

    Buongiorno, vorrei sapere dove posso trovare questo libro. Sono un’insegnante di scuola primaria e sarei interessata a conoscere la storia del libro.Attendo risposta.
    Cordiali Saluti
    Giuseppina

Aggiungi un commento