Filippo Sgruttendio di Scafati

Inserito da: · giugno 29, 2013

tiorba 1Filippo Sgruttendio di Scafati

Nel 1646 il tipografo napoletano Camillo Cavallo pubblicava un canzoniere dialettale prevalentemente burlesco, nel cui frontespizio era scritto: “La tiorba a taccone de Felippo Sgruttendio de Scafato”.

Chiaro il titolo, che, probabile parodia de La lira di G. B. Marino, deriva dallo strumento musicale popolaresco detto tiorba, e dal taccone, o pezzo di suola, con cui se ne pizzicavano le dieci corde; naturale, pertanto, la divisione per l’appunto in dieci “corde”.

Ignoto, per contrario, quale personaggio reale si nasconda sotto lo pseudonimo, quasi certamente anagrammatico, di “Felippo Sgruttendio de Scafato”. (dalla Enciclopedia Italiana Treccani). Studi recente, dopo diverse ipotesi di attribuzione, si soffermano sul nome di un poco noto poeta dell’epoca, Don Giuseppe Storace d’Afflitto, anagramma di Felippo Sgruttendio de Scafato.

 

Laude de Cecca

Pozza cade’ dinto a na cacamagna,

E ‘scìreme le bezzole e la rogna,

Si non sì doce comme na lasagna

E cchiù pastosa che non è la nzogna.

Sse zizze che me teneno ‘n coccagna

So’ retonnelle comm’ a doi cotogna,

Sso pietto liscio cchiù de na castagna

Pare no giesommino catalogna;

Sse trezze so’ de Venere la ‘nzegna,

Ss’ uocchie non songo, no, fauze de cugno,

Ssa faccie è colorita comm’ a gregna.

Iesce, su, Cecca, e non me fa’ lo grugno!

Se n’ opera vuoi fa’ de laude degna

De sto vrachiero mio fatte no mugno.

http://archive.org/stream/Sgruttendio-LaTiorbaATaccone/00.tiorba

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Letteratura napoletana del 1600

Discussione1 Comment

  1. Complimenti ! non sapevo che so trovasse questo libro sul web. In questo bel sito si trovano sempre cose interessantissime, per chi ama Napoli come me, intendo.
    Maria Franchini

Aggiungi un commento