Il Polverificio di Scafati, di Aniello Langella

Inserito da: · giugno 23, 2013

Quanti siano stati in realtà i decessi e quanti i feriti, non viene riportato con correttezza. Ma sappiamo che in quell’edificio vi lavoravano circa 100 persone. Si deve ancora pensare che essendo l’edificio stato costruito per uso militare e per lo specifico confezionamento di cassette di polvere da sparo, vi lavorassero almeno altrettanti soldati. Attorno all’edificio, poi esistevano numerose abitazioni rustiche e contadine. Devo ritenere, in  base a queste semplici considerazioni che il numero di vittime fu davvero importante. Ma seguiamo la cronaca.

il polverificio icona2

Il Polverificio di Scafati – Di Aniello Langella – vesuvioweb 2013

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Scafati

Discussione3 Comments

  1. Silvio Falato ha detto:

    Il filologo non si lascia sopraffare dal narratore. Complimenti per l’impianto.

  2. maria ha detto:

    Storia

    Conclusi i lavori di restauro, durati dieci anni, il 17 novembre 2010 il Complesso Monumentale dell’ ex Polverificio Borbonico di Scafati ha aperto le sue porte al pubblico.

    Tutto il complesso intervento di restauro è stato condotto dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Salerno e Avellino. In seguito, un Protocollo d’Intesa tra i Beni Culturali e l’Agenzia del Demanio ha affidato il sito all’Istituzione ‘Scafati Solidale’ tramite il Comune di Scafati. L’Ente in questo modo si è impegnata oltre alla gestione e manutenzione del Polverificio, alla rivalorizzazione del Complesso borbonico attraverso l’organizzazione di attività ed eventi culturali. L’intenzione del Comune di Scafati e dell’Istituzione è trasformare il Polverificio in un ‘Centro per la Cultura e le Arti’.

    In linea con questi obiettivi sono state attivate le procedure per l’acquisizione in proprietà del Complesso Monumentale e dell’intero parco adiacente (ex art.5, comma 5, dl 85/2010) che L’Istituzione ‘Scafati Solidale’ sta portando avanti con il M.I.B.A.C., l’Agenzia del Demanio e la Soprintendenza ai Beni Archeologici e Paesaggistici di Salerno e Avellino; inoltre, è stata inoltrata alla Camera dei Deputati la richiesta di ulteriori finanziamenti (300.000,00 euro) per la valorizzazione e l’ultimazione dei lavori al Polverificio e delle aree esterne

    cordiale saluto

  3. maria ha detto:

    2° Piano: Galleria Comunale D’Arte Contemporanea, esposizione delle opere “Un Segno per il Sarno”.

    L’apertura al pubblico dell’ex Polverificio Borbonico è un avvenimento storico per la città di Scafati. Intere generazioni hanno dimenticato il valore culturale e architettonico di questa struttura, limitandosi ad ammirarlo dall’esterno e ignorando completamente le possibilità che offre al suo interno. Grandi spazi, aree verdi e testimonianze storiche, per anni alla mercè di vandali, oggi attraverso un percorso di rivalutazione sono state riportate all’antico splendore. Il Polverificio è parte integrante del patrimonio storico- architettonico della città di Scafati in cui rientrano la Villa Romana di via della Resistenza, la Villa Comunale, la Chiesa di Bagni e la Fonte Salutare. La nostra città vanta un patrimonio culturale invidiabile, un contenitore inesauribile di idee e di servizi, un luogo dove stimolare l’interesse delle nuove generazioni

    cordiale saluto

Aggiungi un commento