Palazzo Vallelonga a Torre del Greco

Inserito da: · giugno 29, 2013

Palazzo Vallelonga a Torre del Greco

Di Aniello Langella

… E’ il caso, a tal riguardo di citare a sinistra la chiesa e l’annesso convento dei Padri Teresiani di fronte alla quale e dal lato opposto si trovava (e ancora oggi è ben visibile) l’antichissima chiese a di San Pietro a Calastro, raggiungibile attraverso una strett a via di campagna. Seguiva sulla mano destra l’Ospedale degli Incurabili, succursale del ben più noto Ospedale di Napoli. Più oltre a circa 200 metri e sul lato mare della strada si poteva osservare la miliare che segnava il V miglio dal Ponte della Maddalena. Quasi di fronte il Palazzo Vallelonga con un lungo corpo di fabbrica che si sviluppava verso oriente e un ampio cor le interno. Proseguendo oltre sul lato mare il grandioso Monastero dei Fra Minori Francescani de Zoccolanti  con l’attigua Porta della città, detta di Capotorre,…

Il Palazzo Vallelonga a Torre del Greco – Aniello Langella – vesuvioweb 2012

Il Palazzo Vallelonga a Torre del Greco – Aniello Langella – Galleria delle immagini – vesuvioweb 2012

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I monumenti

Discussione2 Comments

  1. maria ha detto:

    pubblicato venerdì 30 gennaio 2009

    Tutte le strade portano a Torre del Greco. Almeno quelle del corallo. È da dodici anni, infatti, che Palazzo Vallelonga, edificio vanvitelliano sul Miglio d’oro caro all’aristocrazia settecentesca, nel cuore della città famosa per la lavorazione dell’“oro rosso”, ospita mostre dedicate alla pietra che non è una pietra. E se il taglio delle sei proposte precedenti era stato decisamente etnico, con viaggi in Uzbekistan, India, Mongolia e Yemen, l’approccio si fa ora storico e il sapore esotico prende un gusto decisamente più familiare.
    In primo luogo, perché l’obiettivo si stringe sul Barocco, il più meridionale tra i secoli, attecchito in un Sud dove tutto, nel bene e nel male, parlava e parla di enfasi, opulenza, ridondanza. E la “meraviglia” mariniana qui si mostra senza freni, dallo scrigno da scrittura al Trionfo di Apollo. Oggetti dotati di un valore intrinseco, ma carichi altresì di significati e rimandi apotropaici, rituali e, non da ultimo, artistici. Se, infatti, ricami, intarsi, intagli e incastonature potrebbero semplicemente condurre alla lode di straordinarie capacità artigianali, il gusto del modellato e l’equilibrio degli accostamenti esulano da una produzione semplicemente “banausica” e si affacciano legittimamente alle soglie delle arti, contestando la gerarchizzazione tra “maggiori” e “minori”.
    Applicate, questo sì, visto che all’epoca il corallo veniva impiegato, e con una certa prodigalità, più come elemento decorativo o scultoreo che per foggiare gioielli. Abbondano perciò nel percorso suppellettili sacre e profane: ostensori incorniciati da raggiere fiammanti (tra cui uno, curiosissimo, a forma di cuore), capezzali con santi e madonne, acquasantiere, crocifissi, altaroli, calici e paliotti (notevole, per ricchezza d’ornato e soluzioni prospettiche, quello di San Francesco di Paola che attraversa lo Stretto di Messina); ma anche saliere, calamai, una coppia di pavoni.
    Una varietà che rimanda a un altro aspetto, che conferisce unità e pregnanza al progetto espositivo. Che è quello del sincretismo religioso e dell’ibridazione interculturale, fioriti e sviluppatisi nella culla del Mediterraneo e generati, paradossalmente, da una lunga e travagliata vicenda di migrazioni, talvolta coatte, e discriminazioni. Questi (capo)lavori, creati prevalentemente per il mondo cristiano, sono infatti in debito verso arabi ed ebrei: furono questi ultimi ad affinare le tecniche manifatturiere, apprese nel Medioevo alla corte di Federico II, autentico coacervo di civiltà orientali e occidentali, e a divulgarle sulle coste di Genova, Livorno e del Regno di Napoli in seguito alla violenta e intransigente politica antisemita attuata in Spagna e in Sicilia sotto i cattolicissimi Ferdinando d’Aragona e Isabella di Castiglia nel 1492.
    Anno in cui si schiusero le porte del Nuovo Mondo, mentre il Vecchio bruciava e si disperdeva in un clima di fanatismo e intolleranza. Pericolosamente ricorrente, tanto da ridurre il concetto di coesistenza pacifica a scomoda chimera d’una presunta modernità……….

    cordiale saluto
    Maria(arg)

  2. Teresa ha detto:

    Salve!
    Ho letto l’articolo con molto interesse e mi congratulo per il vostro lavoro!
    Vorrei suggerire, per dare maggiore visibilità al sito, di promuoverlo anche attraverso Twitter e Facebook, che ne dite?

    Cordialmente,
    Teresa

Rispondi a Teresa

Cancella risposta