Attilio Gragiulo – Reportage fotografico da Massa Lubrense

Inserito da: · settembre 20, 2013

Massa Lubrense – Reportage fotografico

Di Attilio Gargiulo

Parte prima

Le immagini di questa prima parte, del “Reportage” di Massa Lubrense, sono un po’ la testimonianza della passione alla ricerca. L’autore che ha raccolto queste istantanee di altri tempi vuole ricordare i luoghi, spesso le abitudini di vita di uno dei luoghi più suggestivi della Penisola Sorrentina. Massa Lubrense si affaccia sul golfo di Napoli con le sue bellezze naturali indubbie, con scorci di paesaggi unici tra le località di Nerano, Marina del Cantone e la Baia di Ieranto. Qui la natura è stata prodiga e ha scolpito un vero paradiso naturale. Non manca di stupire la costa che conduce alla punta Campanella, punto di accesso al golfo in uno stretto corridoio di mare che ha per controscena il massiccio calcareo di Capri. La Marina della Lobra quasi attaccata al centro della città e da essa divisa da una vegetazione lussureggiante, si raggiunge attraverso una comoda strada che dal pianoro di Massa conduce al mare.Giù all’interno della baia protetta e nel contesto dell’urbanistica portuale la piccola e antichissima chiesa dedicata alla Madonna della Lobra. Qui, in un’ansa del porticciolo, i ruderi di epoca romana ancora ben rappresentati, ci testimoniano un passato residenziale di alto valore. Una serie di ville marittime, seguiva una ideale linea lungo la frastagliata costa sorrentina e qui l’insediamento, molto esteso ci conferma ancora una volta quel grandioso progetto abitativo che trova nella Villa di Pollio Felice a Sorrento la sua maggiore espressione. A poca distanza dal piccolo specchio di mare del porticciolo si trova lo Scoglio del Vervece, dove ogni anno a settembre ha luogo una cerimonia con celebrazione della Messa sullo scoglio. E centinaia di imbarcazioni circondano lo scoglio portando fiori e doni da offrire alla statua della Madonna collocata sul fondale a circa 11 metri di profondità.

icona reportage 1a

 Attilio Gargiulo – Massa Lugrense – Reportage fotografico – vesuvioweb 2012

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Documenti e iconografia

Discussione1 Comment

  1. Marie ha detto:

    Gentile e caro amico della web che tanto ci unisce…vero?
    …..Quindi Attilio Gargiulo nel tuo reportage fotografico—Massa Luprense–ed i suoi intorni …mi portano alla memoria dei personaggi che vissero in questo territorio argentino ove ci abbito…….Radunaronsi molti *massesi*o’pulese*chill’e´´neraaane ,sento le sue voci stridenti ***ma tanto pure,come lacqua del mare ove furono i suoi nativi…….non vi era un pizzico di malizzia …—-
    Vedendo le immagini mi cadde la nebbia ,la nostalgia,…**addu stanne **…solo nella memoria ..li,solo li——–il passo del tempo,si porto nella sua corsa ,una generazione emigrante……………..della cui ..ay meee..addu stanne..addo?……
    …….Il passo per le satrade ove i suoi passi lenti per la loro pesata carica …venditori ambulanti….chiamati **laboratori golondrina* alcuni ….per loro non vi esiteva nussun altro documento che la **stretta di mano**fratonee a facimme a feste chist’anne!!almeno nce verimme…no?che dice?iamme a turne…’e sorde efacimme Ogniuno dava …il poco era gia molto ——-Pero sono quelle cose che non si perdono mai,mai sono eterne come loro semplici con delle radici profonde—non come oggi tutto **liquido**nulla vale ——–La gente di casa nostra tutti quelli di tutto il golfo *emigranti**badateci bene **non furono i milioni a farli *grandi**i centesimi ed il cuore nobbile.

    cordiale saluto
    Marie(arg)

Aggiungi un commento