Pompei vista da vicino, di Giuseppe Alfredo Berritto

Inserito da: · settembre 27, 2013

… La tutela di un parco di tali dimensioni ha rappresentato, e rappresenta, uno sforzo di enormi proporzioni. Un bene archeologico esposto, quale appunto quella della nostra città è soggetto ad un graduale ed inarrestabile declino. Ogni sforzo va fatto per una conservazione quanto più a lungo possibile. La sua estensione è troppo grande e gli scavi sono continuati, anche quando, era consigliabile fermarsi ed operare per un loro restauro e consolidamento. Contemporaneamente si poteva pensare a come programmare nel tempo le ulteriori esplorazioni. Prima bisognava salvare e poi scavare. Contrariamente, si è verificato che ogni sovrintendente od archeologo che si è avvicendato, nella direzione degli scavi, ha pensato più a redigere testi su nuove scoperte che a tutelare l’esistente. Ovviamente il tutto ben compensato da case editrici. Sul piano della manutenzione, se fino a qualche anno fa, vi erano figure professionali in organico capaci di interventi anche immediati, oggi questo è affidato a procedure amministrative burocratiche che richiedono tempi lunghi e, molte volte, quando il danno è irreparabile….

icona pompei vicino1

Giuseppe Alfredo Berritto – Pompei vista da vicino – vesuvioweb

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Storia e cultura

Discussione1 Comment

  1. marie ha detto:

    Pompei vista da vicino………….Meraviglie delle Meraviglie…vero?
    Pompei vista in un non lontano tempo …..aimeee!!mi addolora caro Giuseppe A.Berritto……….leggendo la sua edditoriale cosi “chiara”precisa—–quei chiodi ossidati .l’umedita circondante…quel deterioro che ben abrebbe potuto non esseci….per la mano dell’uomo negoziante senza scrupoli—–mi creda:mi vien da pianghere …….

    grazie
    affettuoso saluto
    Marie(arg)

Rispondi a marie

Cancella risposta