Jana Haasová – Vesuvio nel 1737 e oggi DAL LIBRO DEL TEMPO 

Inserito da: · ottobre 18, 2013

Jana Vesuvanka

Sono i pensieri e le riflessioni  di un’artista. Ci ha scritto per ringraziarci di aver pubblicato le immagini dell’eruzione del 1737.  Rimasta colpita da quella scenografia fantastica e spettacolare del Vesuvio in eruzione, ci ha chiesto la pubblicazione di due sue opere e di una sua poesia. Sono emozioni, ricordi e riflessioni.

icona poesia 2

Jana Haasová – Il Vesuvio nel 1737 e oggi – Peosia – vesuvioweb 2013

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Jana Haasova

Discussione7 Comments

  1. Jana Haasová ha detto:

    Aniello, grazie per la pubblicazione di poesie con immagini. Sono molto felice.
    Il Vesuvio è una grande ispirazione per me, per la pittura e la scrittura.

    Cordiali saluti

    Jana Haasová

  2. Jana Haasová ha detto:

    Vado indietro …

    Vesuvio, è il mio amore fin dall’infanzia. Ho studiato vecchie cartoline da luoghi diversi in Europa e in più mi ha colpito del Golfo di Napoli con il Vesuvio di fumare , di fronte al famoso pino di Posillipo . A quel tempo , ero incuriosito da questo e di pino con una bella, ampia corona , perché questi alberi crescono nella Repubblica ceca .

    Grazie Vesuvio scuola mi interessa geologia e vulcanologia più tardi anche .
    Il mio sogno – a visitare il Vesuvio , ho incontrato nel 1998 e nel 2001, quando abbiamo visitato con la figlia e gli altri vulcani italiani – Etna , Stromboli e Vulcano , e Pompei , che per me è molto impressionato .

    Il Vesuvio Ho letto molti articoli e diari di viaggio , ma non ho mai finito con una ricca flora sulle pendici del vulcano . Conosciuto stata una scopa. Visita il Vesuvio è stata una grande sorpresa per me dopo il botanico. Per una persona che vive in un paese in cui i vulcani sono estinti prima di decine di milioni di anni , è una straordinaria esperienza di vedere un vulcano attivo con un giovane di lava , che sta guadagnando presa su di licheni ( Stereocauloun Vesuvianum ) e altre piante . Sono particolarmente interessato a Valeriana rossa suoi splendidi fiori , Rumex scutatus, Ginestra e di più . Incredibile flora vesuviana che mi ha colpito così tanto che ho cominciato a studiarlo – per la ricerca di informazioni tramite internet , guardare video e foto . Guardo ogni anno la vegetazione si arrampica fino alla cima e scendiamo nel cratere .

    Il famoso Vesuvio è un piccolo esempio della terra nascita del fuoco e continuò una vita ricca .

    Molte grazie per Vesuvioweb , dove posso trovare maggiori informazioni sul Vesuvio , ma anche la vita delle persone che vivono sotto il Vesuvio , la storia e la cultura , e posso anche condividere le loro impressioni e creando.

    Cordiali saluti

    Jana Vesuvanka

  3. maria ha detto:

    LA DATA IMPORTANTE
    SORRIDEVI DENTRO
    “TORNI”OMBRA NELL’OMBRA
    VIVA DI SOLE TIEPIDO
    SULLA PELLE DEL FREDDO INVERNO
    IMPOVERITE DIORNATE GRIGGIE
    OVE “TU” SPLENDENTE CALDO
    DIPINGI I CHIAROSCURO
    SULLE STRADE CONTRADE
    SULL’UNGO VIALE
    DEL VECCHIO QUARTIERE
    REGNANTE “PASSERO TENE STAI,
    ME,COMPAGNIA………
    SORVEGLIANDO ,TUO RILASCIO
    TUA EREDITÁ……..
    ASSENZA DELL’ALDILA
    SOTTO NRACCIO ANDAMMO
    SANGUE DELLA STESSO SANGUE
    AMORE INFINITO
    LODATE OHH MISTERI!!!
    L’ESISTENZZA DELLA VITA
    AULLA MORTE
    OHHH!VITA DEI TUOI OCCHI
    DENTRO I MIEI
    DEL TUO BATTERE NEL MIO
    NON POTREI MAI DIRTE ADDIO!!
    STAI COSÍ BENE DENTRO “ME”

    ……..Jana grazie per il tuo sentito amore……
    ……..Maria (arg)

  4. Jana Haasová ha detto:

    Maria, la ringrazio molto per i bei versi di nihž irradia amore.
    Sono nato in Boemia, ma Terra del Vesuvio è cara a me come il mio paese natale – è la mia seconda casa. Per me era già nell’infanzia “amore a prima vista.” Un bellissimo paese che attrae naturalisti e ispira gli artisti e incoraggia considerazioni filosofiche. Paese con una ricca storia, un paese in cui nacque la più bella musica …

    Cordiali saluti

    Jana

  5. maria ha detto:

    Dopo l’eruzione del 1631, altre avvennero negli anni 1637, 1649, 1660, 1682, 1685, 1689, 1694, 1696, 1698, 1701, 1704, 1706, 1707, 1712, 1713, 1714, 1716, 1717, 1718, 1720, 1723, 1724, 1725, 1726, 1730, forse di non notevole violenza.

    Dal 1730 e fino al 1737, il Vesuvio ebbe un periodo di debole attività, caratterizzata dall’emissione quasi continua di molto fumo e talvolta anche fuoco, ma negli ultime tre o quattro mesi precedenti l’eruzione del 1737, tali emissioni avvennero senza intermittenza. Tuttavia, nessuna preoccupazione destarono nella gente, abituata da qualche secolo a fenomeni del genere.

    Ma, dal 14 maggio del 1737, l’attività del Vesuvio aumentò notevolmente. Dal suo cratere venivano lanciati anche proiettili e cominciò ad eruttare la lava, mentre si udivano forti detonazioni.

    L’attività del vulcano divenne sempre più intensa fino a che, il 19 maggio, si udì, specialmente a Torre del Greco, uno scoppio spaventoso. In un fianco del cono del Vesuvio si era aperta una bocca di eruzione da cui usciva molta lava, che si dirigeva in gran parte verso Torre del Greco, fermandosi a poca distanza dal mare.

    Alle falde del vulcano si formavano sorgenti di anidride carbonica, note sotto il nome di mofete.

    Palmieri riferisce che uno squarcio laterale del vulcano non avveniva da molto tempo e che, in seguito, il Vesuvio non si sarebbe placato se prima non avesse avuto un’eruzione da un suo fianco.

    Dopo, il Vesuvio fu quieto fino al 1751, anno in cui avvenne un’eruzione dal suo cono. Su quella eruzione non ci soffermiamo oltre

    Caro Aniello:se bene ricordo te ne hai parlato delle molfette…vero?forze interessa anche a jana.
    cordiale saluto

  6. Jana Haasová ha detto:

    Maria, grazie per l’elenco dettagliato dei dati da parte del Vesuvio 1637-1730 e una descrizione dettagliata della eruzione nel 1737. E ‘stato davvero grande dramma, così come alcuni dei più tardi eruzione, che ha aperto i crateri laterali.
    Ero incuriosito e mofety ai piedi del Vesuvio, che ho visto nell’immagine (circa Capp la Palomba?)
    Ho comprato una mappa grande Golfo di Napoli (1: 50.000), che sono contrassegnati da alcune colate laviche 1760-1944.

    Cordiali saluti

    Jana

Aggiungi un commento