L’irruzione di Giuseppe Alfredo Berritto

Inserito da: · ottobre 4, 2013

L’irruzione

di Giuseppe Alfredo Berritto

 …   Si trasferì a Pompei agli inizi degli anni ‘60 aprendo un ristorante nei pressi del Santuario mariano. Aveva già raggiunto la cinquantina. Di corporatura robusta e carnagione rubiconda, altezza media, capelli brizzolati tirati all’indietro ed una pancia che avanzava rispetto alla verticale. Aveva un paio di baffi neri, tendenti al bianco, ben curati, leggermente ingialliti dal fumo del sigaro ed un cappello di paglia coloniale leggermente alzato sulla fronte. Particolarmente affezionato alla  famiglia, tale da non lasciare mai dubbi sulla sua fedeltà coniugale, si distingueva, anche per questo, dal cliché camorristico …

icona irruzione1

Giuseppe Berritto – Come eravamo – L’irruzione – vesuvioweb 2013

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Giuseppe Berritto

Aggiungi un commento