Fattucchiere ed Eremiti del Vesuvio

Inserito da: · novembre 15, 2013

Fattucchiere ed Eremiti del Vesuvio

Di Umberto Vitiello

… Non trovando però nessuno che gridasse e nulla che spiegasse quello strano e pauroso fenomeno, decisero a maggioranza di consultare ’a
Vecchia ’e Mattavona, che abitava non molto lontano dai loro casolari. La fattucchiera li ascoltò e, sollecitata, si recò con loro sul luogo dell’urlo, dove pronunciò formule magiche in un linguaggio incomprensibile. L’urlo che aveva terrorizzato tutti e per tante notti non si sentì più e della vecchia fattucchiera fu tramandata di padre in figlio la memoria di questa sua magia …

icona fattucchiere1

Umberto Vitiello – Fattucchiere ed Eremiti del Vesuvio – Prima parte – vesuvioweb 2013

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Antropologia, Umberto Vitiello

Discussione6 Comments

  1. maria ha detto:

    ——Gentile Umberto:quanti ricordi mi fai venire……..sai? faccio il pizzo a riso….appare papa come di solito….ombre nel ombra che mi fa vivere…

    ——-Quindi: Marii …overe cha c’esteve o munacielle,uuee nu pazzee o’saie?mmnn,a’ gianare.”aglie ‘e fravagli….giettature cha nu …quagli”jajaj….mi sembra di vederlo con la ingenuita di colui che “ci crede”.

    ——Molto preciso il suo racconto ….immagini anche curiose!!

    —–Papa mi disse:me faccettene a fatture …ouuuee-nu dico bucie!!me vulevane fa spusa cu na femmena piu vecchia e me!!—–e “nsuonne me venette….*subbete**ma ie dorme o sto scetate neee…io so fesse!!!noooo oh maaa…….maaa …..
    **siente buoone** Oh Mtrimmomio nun se faaaa**
    Dincelle a quella brutta fattucchira cha sene trase intal’inferno.

    Po Mari:ritornando da un’altro viaggio dalla merica ….truvaie a mammette o rieste a saie no?
    ——Come non amarvi,come non benedire le vostre edditoriali………..

    (chiedo scuse per il dialetto,che fluisce …ed cosi :lo batto sulla tastiera…)

    ———–Grazie Umberto -Aniello-Salvatore ecc” ve teng ‘ncore”

  2. Umberto Vitiello ha detto:

    Carissima Maria, apprendere che il mio “editoriale” ti è piaciuto mi rende molto lieto e al tuo grazie rispondo con il mio grazie.
    Le tue espressioni dialettali mi hanno deliziato e commosso, ed per questo che
    io mi sono sentito in dovere di ringraziarti.
    Un saluto affettuoso e, se permetti, anche un abbraccio..
    Ciao!
    Umberto

  3. Umberto Vitiello ha detto:

    Carissima Maria, sono lieto di apprendere che il mio “editoriale” t’è piaciuto molto e al tuo grazie rispondo col mio grazie.
    Le tue espressioni dialettali mi hanno deliziato e commosso.
    Ti saluto con affetto e, se permetti, ti abbraccio.
    Ciao!
    Umberto

  4. maria ha detto:

    ……..Huberto caro:come non permettere l’abbraccio!…Humbeeee i cuori si abbacciano….un po di adrenalina fa bene ,l’abboaccio cordiale da colui che vi abbita in un altro continente………millaia di kilometri di lontananzza vero?….oltre l’oceano…….mari di fiumi ….mari profondi e veri….come la nostra vita—-guarda un po….Nel’abbraccio incluso vaaaa tutto un cardume di “gente”…..come non permetterlo!!!………Aiuta ad guarire la “nostalgia vero Humbeeee….Nel “cardume”i pesci stanno uniti….Il gagliardo Capitano,lo debbe sapere —-uuueeehhh stade accorte….buttade ‘e rezze…facimme nu vuoleee …eehhh——oee…ooeee.senntite comme o mare cante!!..comme zombenne li pisceee………e na bona giurnate ooee…ooeee..cantamme pure nuie…a caaasee ce ‘aspettene………state attiend’´´e mestiere..neee..boga..bogaaa ………
    ***Ciao!
    Maria.

  5. patrizia ha detto:

    Salve Umberto complimenti per l’edotoriale e la tematica cosi avvincente.
    Sono appassionata di tradizioni popolari e mi chidevo se per caso hai mai conosciuto dal vivo
    una fattucchiera o strega. Grazie

    • Vesuvioweb ha detto:

      Carissimo Aniello
      ecco la mia risposta a Patrizia:
      “””Gentile Patrizia,
      dopo la laurea ho frequentato un corso bisemestrale di “Etnologia sociale” (tradizioni popolari) presso l’Università di Belgrado e in quella occasione, per scrivere la mia tesi finale ho dovuto frequentare anche qualche mago e un paio di cosiddette fattucchiere di Sciumadia, sub regione balcanica a sud della capitale serba. Ciò che ho ripetuto poi in Italia in varie occasioni, fino ad occuparmi per interesse del tutto personale di ciò che mi ha portato a scrivere il mio articolo sulle fattucchiere e i maghi della mia subregione, quella campana alle falde del Vesuvio. Dove le fattucchiere che ho conosciuto non si fanno affatto chiamate con questo nome, ma guaritrici.
      Saluti cordialissimi.
      Umberto”””

Aggiungi un commento