L’eruzione del Vesuvio del 1855

Inserito da: · novembre 8, 2013

BREVE CENNO DELLA ERUZIONE VESUVIANA DEL MAGGIO 1855 PER L’ARCIPRETE GIACOMO CASTRUCCI

Dopo aver taciuto per oltre a cinque anni, e sol nel decembre ultimo sprofondata una parte interna de’ suoi crateri a piè della così detta Punta del palo, al I° maggio alle 4 del mattino, premesso un forte e   cupo mugito, cominciò un nuovo terribile incendio, vomitando da    quattro bocche, apertesi a’ suoi fianchi, lava, e sassi infocati, con     impeto grande, e boati spaventosi spingendo in alto densi globi di fumo.     Queste bocche, o crateri non furono le sole, che avesse aperte; ma    l’una appresso all’altre succedendosi, alle 8 della sera di quel giorno ne furono contate sette; e quindi giunsero fino ad 11, onde sembrava il   Vesuvio come melogranato aperto. Cotali bocche erano messe quasi in una linea di basso in alto dalla parte del Settentrione, indicando, che il Cono del Vesuvio erasi squarciato …

 A cura di Aniello Langella

icona 1855a

L’eruzione del 1855 a cura di Aniello Langella – vesuvioweb 2013

Discussione2 Comments

  1. Silvio Falato ha detto:

    Annotazione storica degna di essere di tanto in tanto rinfrescata nella memoria: Ben evidenzia la funzione di “mostro protettore” del Vesuvio, che, sebbene temuto, è comunque parte preminente del vostro mondo affettivo.
    Interessante è la nota n. 3 sulla diffusione del culto di San Giorgio, d’altronde convalidata dal gioco che porta lo stesso nome; era molto praticato fino agli anni ’60 e ben sviluppava e metteva in evidenza le capacità atletiche e di coraggio degli adolescenti in formazione.
    Complimenti e grazie per l’impegno che profondi nel lavoro di recupero della cultura popolare.

  2. maria ha detto:

    Brillante e interessante como sempre ,grazie per il laboro constante .
    cordiale saluto
    Maria

Rispondi a Silvio Falato

Cancella risposta