Discussione2 Comments

  1. maria ha detto:

    MERAVIGLIA!!!! che belissimo reportage fotografico!!! Sono stata li per attimi meravigliosi……grazie

  2. maria ha detto:

    Villa San Michele è stata la casa del medico svedese Axel Munthe. Costruita sui ruderi di un’antica cappella dedicata a San Michele, appartiene oggi alla Fondazione Axel Munthe ed è un museo. Nel libro “La Storia di San Michele” il medico svedese racconta del suo arrivo a Capri nel 1885, e della progressiva costruzione della villa; egli non seguì un progetto, ma pochi schizzi fatti su una parete. Il complesso è articolato su più livelli; lo studio è al primo piano, la loggia attraversa pergole e colonne per giungere ad un belvedere circolare che affaccia sul Golfo di Napoli. Nella Villa San Michele sono conservati reperti archeologici recuperati da Munthe a Capri, Anacapri e altrove, a volte donati da amici. Troviamo frammenti di sarcofagi, busti, pavimenti romani, marmi e colonne. Nel giardino c’è una tomba greca e una sfinge in granito domina dal belvedere tutta l’isola di Capri.

    Era ancora un giovane medico Axel Munthe, allorchè decise di realizzare i propri sogni ed ambizioni stabilendosi ad Anacapri. Medico di professione, Axel Munthe deve tuttavia la sua fama all’attività di scrittore. Ricevette numerosi riconoscimenti anche quale cultore dell’arte, filantropo ed amico degli animali. Munthe coltivò vari interessi e fu spesso un precursore.

    Pur essendo nato e morto in Svezia, la sua fu comunque una personalità di respiro internazionale. Trascorse infatti all’estero gran parte della sua vita e la sua opera appartiene all’intera umanità. Tranne brevi intervalli, Axel Munthe visse a Capri più di 56 anni. il suo amore per l’amena isola situata nel Golfo di Napoli coincise con il consolidarsi della fama di questo luogo di villeggiatura preferita da personalità di spicco provenienti da tutto il mondo.
    Condivise la passione per la musica, la natura e gli animali con la regina Vittoria di Svezia, la quale per motivi di salute trascorse a Capri lunghi periodi. Onde proteggere gli uccelli migratori di Capri, che all’epoca rischiavano lo sterminio causa una caccia indiscriminata, Axel Munthe decise di acquistare il terreno costituito dal Monte Barbarossa al fine di offrire agli uccelli migratori una zona protetta; sosteneva infatti che Capri costituisse un concerto per gli amanti degli uccelli. La musica, del resto, fu il tema di molte serate trascorse in compagnia della regina di Svezia, che al pianoforte accompagnava la bella voce di baritono di Axel Munthe, il quale sapeva anche suonare il violino e il pianoforte.
    saluti cari Maria

Aggiungi un commento