14 – La Coniugazione dei verbi – Di Salvatore Argenziano

Inserito da: · gennaio 25, 2014

A Lenga Turrese La Grammatica

Di Salvatore Argenziano

La Coniugazione dei verbi

… Il futuro è sostituito dal presente indicativo: vengo rimane, sostituisce il verrò domani. Alcune forme di futuro si trovano, particolarmente, in poesia ma non sono di uso orale comune. Queste discendono dalla espressione “aggio ’a venì rimane” che esprime anche il futuro. La trasformazione è; “aggio ’a venì” dalla quale si ha “’a venì aggio” che porta, infine a “venarraggio” …

14-La Coniugazione dei Verbi – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2014

icona verbo 2

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, La grammatica della Lenga Turrese

Discussione4 Comments

  1. Falato Silvio ha detto:

    La ben nota e invidiabile acribia rende il lavoro eccellente. Complimenti.

  2. Giovanni ha detto:

    Anche in napoletano per il futuro viene usato l’indicativo cui si aggiunge un sostantivo indicante una collocazione temporale futura: verrò= vengo dimane (in poesia, anche la forma con aggio (aggio ‘a venì) : venarraggio.
    Anche il congiuntivo è indicato con l’indicativo.
    Per il condizionale: me facesse…si tenesse, viene usata anche la forma: me farria…si tenesse.
    Per il passato remoto: nel napoletano, nella prima persona sing. e plur. non ricorre la metafonia in ie, per cui sono scritte: io mettette, nuje mettettemo.
    Nella voce io fossi non ricorre la metonimia anche in presenza della i finale, che la dovrebbe indurre (tu fussi); è possibile che inizialmente la vocale finale non fosse la (come nella terza persona: isso fosse) ?

  3. Salvatore ha detto:

    Per il passato remoto, io mettiétti, stranamente in napoletano Giovanni dice che non ricorre la metafonia.
    Eppure attendibilissimi napoletanisti (Imperatore, Iandolo) scivono con la I finale, (desinenza etimologica latina) quella che produce la metafonia, e non la E. (Luigi Imperatore riporta la forma giusta -iétti nell’esempio vattiétti). Strano fenomeno di corruzione fonetica della grammatica napoletana.
    Per io fossi, (desinenza latina -em) ho chiarito in nota quanto segue: La desinenza in I è un adattamento all’italiano, da me proposto per la grafia del dialetto torrese. Pertanto non genera metafonia sulla O.tonica,
    fenomeno presente alla seconda persona.

  4. Marie ha detto:

    Salvatore carissimo:quanta disponobbilita della grammatica che ci fai capire!
    complimenti si nu masteeee,grande amico del cuore e della bella cordialita.!

Aggiungi un commento