1 – La vìta de tatìll’e de mamélla

Inserito da: · gennaio 25, 2014

La vìta de tatìll’e de mamélla

Di Silvio Falato

’Ne pòke de pacjénza, bbélla ggénte:
Ku ’ne papjélle lwònghe m’appresénte;
ma ku r’agljùt’e Ddìje e de re Sànte
cerkàm’e fa’ kapì a tùtte qwànte
kòm’èva bbrùtt’e a vvòte pùre bélla
la vìta de tatìll’e de mamélla:
So’ r’ànne ke passjérne ’mmjéz’a ttànta
’ntùrn’a re Cenqwànt’e a re Sessànta.

01-La vìta de tatìll’e de mamélla – Di Silvio Falato – vesuvioweb 2014

icona la vita1

 

Discussione3 Comments

  1. giuseppina di vicino ha detto:

    La storia è nota anche a me tramite i racconti dei miei genitori. D’altronde è uso tramandare le tradizioni di generazione in generazione. Però io li conoscevo come Tatillo e Tatella. Qual è l’esatta denominazione? Comunque è sempre bello sentirsi legati da stesse consuetudini. Cari saluti.

    • Silvio Falato ha detto:

      Nella nostra area linguistica la forma femminile di “Tatille” è “Mamélla”, caro diminutivo di “Màma”, per “Mamma”. I due appellativi erano diffusissimi fino agli anni ’50 e sono caduti in disuso con l’avvento del boom economico e culturale degli anni ’60. Quanto descritto è prodotto di ricordi, ma anche di studio di proverbi e modi di dire locali, che fanno un po’ da canovaccio alla narrazione.

  2. Falato Silvio ha detto:

    Nel dialetto di Guardia Sanframondi, che è di origine normanna, quindi di area gallica, le vocali finali diventano evanescenti (sceva’) perciò “tatille” al posto di “tatillo”. “Nonna” e “mamma” da noi sono rese con “mama” e poi “mamella” che è un diminutivo. In molte aree comunque è diffusa la tradizione “tatella”, costruita su “tatillo”, diminutivo del latino “tata” = babbo.

Rispondi a giuseppina di vicino

Cancella risposta