43 – Carlo Iandolo – Gli articoli plurali in Napoletano

Inserito da: · febbraio 1, 2014

… Infatti la desinenza di tale caso nel latino volgare sarebbe sfociata nelle rispettive forme *(il)les e quindi –con ulteriore passaggio terminale “-e > -i”– in *(il)lis, perché “la sibilante ha palatalizzato la vocale precedente ma non è ancora caduta” (Aebischer): ne sono riprove “operas > operes, amores > amori, voces > voci, dulces > dulci, utiles > utili”…

Così introduce la sua 43^ Pillola di Linguistica Napoletana, Carlo Iandolo.

Un percorso interessante tra lingua, linguaggio e suoni espressivi.

43 Carlo Iandolo – Pillole Linguistiche Napoletane – Gli articoli plurali in napoletano – vesuvioweb – 2014

icona pillola 43a

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Pillole linguistiche napoletane

Discussione4 Comments

  1. Salvatore ha detto:

    Carissimo maestro Iandolo,
    grazie per la citazione del mio nome nella trattazione degli ulteriori elementi duplicanti del dialetto napoletano.
    Ricordo che nelle conversazioni avute con te su questo argomento, la mia considerazione iniziale fu per il singolare neutro: “tanto lu ppane” da cui “tantu ppane”, diversamente a ciò che avviene al maschile “tanto lu tiémpo” che dà “tantu tiémpo”.
    Ora il mio augurio è quello di sapere da te sviluppate le ricerche e leggere quindi le tue considerazioni anche sul singolare neutro per poi trasferire il ragionamento al fenomeno della legazione fonetica, argomento alla base delle mie considerazioni.
    Sempre grato per tutto quanto ci regali con i tuoi scritti, ti saluto cordialmente.
    Salvatore.

  2. carlo iandolo ha detto:

    Carissimo Salvatore, il tuo luminoso e illuminante spunto telefonico sul neutro singolare del nostro dialetto partenopeo mi fruttò lo sviluppo ulteriore sugli articoli plurali femminili. Quindi ammetto il mio errore: dovevo rivolgere a te il giusto appellativo di “Einsteinone” della linguistica napoletana, oltre quello di “benemerito pioniere” e incontrastabile “dittatore” nell’àmbito del vernacolo torrese. Lo faccio ora: non è mai troppo tardi per riconoscere certi meriti. Un abbraccio fraterno e grato — Carlo Iandolo

  3. Salvatore ha detto:

    Carissimo Carlo, i complimenti tuoi mi sono sempre graditi, specie se non sollecitati.
    Ma lo scopo del mio intervento era per sollecitarti uno studio approfondito sulla legazione fonetica (oggetto della nostra conversazione) per risolvere quei problemi di raddoppio consonantico rimasti irrisolti che, secondo me, trovano una soluzione con l’ausilio della mancata mutazione della vocale A torrese e che allontanano l’ipotesi di pura e semplice mutazione vocalica pretonica nella legazione.
    Certo che non è facilmente pensabile di risolvere un problema linguistico del dialetto napoletano ricorrendo agli articoli della grammatica torrese (a, u, i).
    http://www.vesuvioweb.com/it/2012/11/11-legazione-vocalica/

  4. Armando Torre ha detto:

    Le mie poesie in bianco e nero sono la Napoli della mia giovinezza, la mia citta’ Natale. Ho scritto tanto su Napoli , vita e morte di pulcinella e della sua bella solare Napoli. Dai vermicelli a vongole a l’emigrante, nun manca la befana col balilla,
    A mamma cu Natale , l’artista ‘o sole e Napule ja’ spesa, spaccaNapule e tanta altre da voi gia’ conosciute comme e Papuncielle. Cordiali saluti Armando Torre

Aggiungi un commento