Vesuvio 1765

Inserito da: · marzo 20, 2014

Antonio Alessanbdro Giuseppe Cardon incise numerose vedute di Napoli e dintorni nella metà del secolo XVIII. Al 1765 risalgono importanti opere che ritraggono Napoli in alcuni quartieri pittoreschi e storici: la Marinella con il Catello del Carmine, il porto del Mandracchio e la Dogana Grande. Al Cardon furono commissionate opere dal Conte di Cobenzl, da Luigi de Walmoden e con molta probabilità da Sir William Hamilton. In questo documento cartografico in realtà sono sintetizzati i riferimenti latini e bibliografici maggiori, relativi alla Terra Vesuviana. Da Tito Livio a Plinio, Sisenna a Paolo Diacono. Lo stesso rilievo cartografico vuole mostrare il territorio nel periodo della romanità, con i punti di maggior interessi richiamati dalla bibliografia stessa che l’autore prende in esame.
Ci sfugge, dalla lettura attenta del documento una datazione esatta e ci risulta ancor più complesso identificare il committente di un documento così complesso. Nel secondo foglio che accompagna questa meravigliosa elegia latina e greca, si possono esattamente cogliere i nomi dei committenti e anche le motivazioni che indussero il Cardon ad elaborare un prodotto tanto complesso e tanto ricco di riferimenti alla storia dell’intero territorio.
Cartografia del Golfo di Napoli e del Vesuvio del 1765 circa

Cartografia del Vesuvio - Crateris Neapolitani incisa da Anton Cardon 1750 circa - Da Gallica Biblioteca Nazionale di Francia

Dimensioni 64,5 x 49 cm

Per uno studio del documento ad alta definizione si consulti il link:

http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/btv1b53043168x/f1.zoom.r=vesuve

Aggiungi un commento