Il Gigante del Palazzo

Inserito da: · maggio 13, 2014

Di Aniello Langella

… Intorno al 1730 a palazzo reale c’è un altro sovrano. E’ straniero, come sempre. E’ austriaco. Alois Thomas Raimund di Harrach. Sul trono di Napoli si erano avvicendati diversi sederi e le cose non erano campiate. Il Gigante era sempre lì al posto suo e le invettive contro il povero marmo divenivano sempre più frequenti, più mordaci. Traggo dalla rete senza avere tuttavia il conforto della fonte bibliografica, il riferimento ad un graffito dipinto o inciso sul manto del Gigante che mi sembra esprimere molto bene il senso delle relazioni intercorse tra il sovrano e il popolo …

il gigante icona1

Il Gigante di Palazzo – Di Aniello Langella – vesuvioweb 2014

Le immagini sono della rete e per dovere di documentazione bibliografica citiamo la fonte che ringraziamo

http://www.skyscrapercity.com

Aggiornato con immagine il 24 gennaio 2015 con documento da

Nuova guida de forastieri per osservare e godere le curiosità più vaghe e …  Di Domenico Antonio Parrino

napoli Gigante di palazzo dal Parrino

Discussione5 Comments

  1. Marie ha detto:

    A Cuma, nell’antico tempio di origini sannitiche e con iscrizioni a mosaico in lingua osca, si ritrovarono tre statue della decorazione in marmo relativa a un restauro del I secolo a. C. Oltre al torso acrolito di Giove, rinvenuto in località Masseria del Gigante, vennero alla luce anche i busti di Giunone e di Minerva in siti e tempi diversi. Essi sono adesso conservati in qualche scantinato del Museo archeologico di Napoli, ma c’è chi giura che giacciano, tra la polvere e l’oblio, in una rimessa del Museo di Capodimonte. Alla triade capitolina e alla tradizione della satira campana dedichiamo volentieri la rubrica……………

    grazie Aniello come sempre ci stupisci con le tue edditoriali ,che non fanno altro che renderci felici nella lettura

  2. Silvio Falato ha detto:

    Complimenti, Aniello, per le vaste chiazze di ombra che riesci a fugare, illuminando il tutto con lo splendore della tue ricerche.

    • admin ha detto:

      Il Gigante di Palazzo è il simbolo della caducità delle cose. Zeus il più potente, in cima a tutti e su tutti padrone indiscusso, cade nel più totale oblio. Risorge come simbolo del poteree dei re di Napoli. Ricade nella polvere, insultato e offeso. Alla fine vecchio e con tanti acciacchi finisce in un corridoio del museo. La gente gli passa vicino e non conosce nulla di lui. Quel pezzo di marmo insegna. Grazie Silvio.

  3. maurizio ha detto:

    io ritenevo che si trattasse della statua di Nerone

Aggiungi un commento