Discussione7 Comments

  1. Marie ha detto:

    ………..A mazzola canta……si,siii,da chi la sa cantare,amico mio!!!!

    Ritorna in mente le parole di papa!!!
    ………….A mazzole ncape me cante…oinee,oineee..
    ………..dunke,danke.. sbatte sbatte,soooone eeehhh cante..caaa.
    ………..il legno curiuse l’aspettabe….s’etenebee…dunke danke…kantecaaa!!!!

  2. Silvio Falato ha detto:

    Perché “artigiani” e non “artisti” ? Complimenti per l’acribia.

  3. marisa ha detto:

    Un omaggio magnifico a degli uomini che lavoravano veramente “a mestiere”, usando utensili nobili anche nell’etimo. Una lettura veramente intrigante, che mi ha riportato alla memoria antiche passeggiate sul porto, tenuta per mano da mio padre.

    • Salvatore ha detto:

      Cara Marisa, è la potenza della memoria.
      Io sento ancora l’odore di pece, stoppa e catrame (fumo una miscela con del tabacco scuro, forse per illudermi, e quando apro la scatola, sento l’odore catramoso di sottufronte).
      Grazie assaie.

      • admin ha detto:

        Ho letto il vostro articolo. Ricordare la storia delle tradizioni e delle piccole indistrie dell’artigianato è anche questo. Ma soprattutto è far rivivere come avete scritto voi, le sensazioni attraverso i sensi. I colori, gli odori (spesso i profumi) ed i rumori (come in questo caso musica). Grazie per questo contributo.

Aggiungi un commento