02 – La consonante C

Inserito da: · giugno 25, 2014

A Lenga Turrese Vocalismo e Consonantismo

La consonante C

Di Salvatore Argenziano

… Da lancella, latino “lancem”, vassoio, langella. Basile: tanto va la langella a lo puzzo pe fi’ che ’nce lassa la maneca … Dal francese “galoche”, caloscia. Viviani. ’e scarpe ’e vitellino cu ’a caloscia-. Canimacanza, da Gano di Magonza. F. Russo: E site vuie … Ma nun se fa afferrà, / Cano ’e Macanza! Che ve pare, mo’! / ’A sape tanto longa! … Scapparrà!…

icona cons C1

02 – La consonante C

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Stròppole linguistiche

Discussione4 Comments

  1. Giovanni D'Amiano ha detto:

    La etimologia, la molteplicità di esempi, le frequenti citazioni di autori antichi e moderni, rendono l’articolo e le molteplici problematiche in esso affrontate immediatamente comprensibili. E’ anche da dire che molte regole valide per il torrese lo sono pari pari anche per il napoletano. A me, personalmente, le ricerche di Salvatore relativamente al torrese mi sono di grande aiuto per chiarire ciò che capita anche nel napoletano. Le ricerche di Salvatore, su ogni tema, risultano sempre molto estese e dettagliate. Grazie, amico carissimo e stimatissimo per il grande lavoro che svolgi, che io, come tanti, utilizziamo…

  2. Marie ha detto:

    Bravo ,complimenti caro Tore.

  3. Salvatore ha detto:

    Grazie a Maria e a Giovanni per l’attenzione che hanno per le mie stroppole.
    Per Giovanni dirò che le regole grammaticali torresi e, spesso, anche quelle della sintassi, sono perfettamente in linea con quelle del napoletano.
    La ricchezza della grammatica napoletana, la sua concretizzazione logica ed etimologica merita tutta l’attenzione e gli studi ad essa dedicata da linguisti come De Blasi e Iandolo.
    Le diversità che si riscontrano nella grafia del torrese sono dovute ad una diversa impostazione di questa, rispetto alla tradizionale grafia napoletana, per una mia scelta personale, tesa alla evidenziazione degli elementi etimologici e sintattici della parola.

  4. Falato Silvio ha detto:

    Come al solito, una trattazione a largo raggio , che ancora una volta dimostra che la linguistica non è disciplina letteraria, ma del gruppo scientifico, dato che viene così magistralmente trattata da chi nella vita ha fatto l’ingegnere e non il precettore di lingue. Complimenti, Salvato’!

Aggiungi un commento