Discussione9 Comments

  1. Falato Silvio ha detto:

    Le tue ricerche, oltre che gocce di sapere che vanno ad alimentare il “mare magnum” della conoscenza, danno il merito dovuto a quegli scavatori che si affannano non certo per abbellire le loro ville di pezzi preziosi, ma solo e unicamente per amore verso la storia e la scienza. Complimenti e grazie!

  2. Giovanni D'Amiano ha detto:

    Caro, Aniello, ti ho letto con lo stesso piacere di un bellissimo racconto, poiché la tua prosa sa dare emozioni anche al di fuori del contenuto archeologico, ed è portatrice di sentimenti e di grande passione, al di là della grande competenza archeologica. Sei come dev’essere ogni studioso che è capace di emozionarsi per la ricerca che porta avanti, e di emozionare chi lo legge. Anche se a leggerti è un incompetente di archeologia come me. E tuttavia sento di potermi gemellare a te nella passione per il passato (da me espressa attraverso i versi:” ‘E pprete ‘e casa mia “, per es. sulla civiltà contadina nelle parule di Volla). Complimenti e grazie

    • admin ha detto:

      Restare come bambini che si emozionano. Che gioia sarebbe per me. Emozionare ed emozionarmi. Sai bene che quando una tachicardia si attiva per “adrenalina buona” è una gioia. Accade quando ricordi il primo bacio e il volto giovanissimo di porcellana della giovane amata. Accade quando le tue mani sfiorano il desiderio e nascoste si ritirano, cariche di ogni bene. Emozionarsi per vivere bene è come sorridere alla vita. Spesso quando ho chiesto al sacerdote di turno, come può fare un bambino, di descrivermi il Paradiso, mi è stato risposto che è un luogo di bellezza, dove si canta, si gioca, si gode ogni istante nel sorriso. Ed ogni volta che rivivo la scena penso alle emozioni giovanili.
      Ti ringrazio tanto per ciò che scrivi. Io spero tanto che i nostri sforzi come disse il Novi in un suo bellissimo contributo alla storia di questa terra:
      “… scrivo affinchè queste mie fiacche e desolate parole possano giungere a qualcuno che nutrito di più animosi ardori, continui il mio misero lavoro,…”. Grazie ancora. Nello

  3. Marie ha detto:

    …………Nello caro sempre ,sempre le tue parole le tue ricerche Emozionano perche le fai Vive………..le fai vivere dentro dei toui lettori,la fiamma che accendi vi resta ,emozzionante..mente viva ,ardente sai perche? ———-la fiamma ardente nel cuore la porti,per le tue vene corre fino alla tastiera..ove la gemma dal dito bacia la parola dal testo che in continuo lacerail tuo cervello ………appare l’emozzione che contiene il fuocco ardente ……….dal’lessere tuo unico ed irrepetibbile..continua nel tuo scenario farci vedere gli attori …non sono altro che Tu!!!
    grazie

  4. Marie ha detto:

    non capisco …………se le parole emozionano!vuol dire che l’amicho sta……pur non stando,come dici TE.

    grazie a te caro Nello

  5. Marisa ha detto:

    Una lettura che interessa, emoziona ed accora. Il vergognoso sciupio di cultura e di bellezza, rende ancora piu’ commovente lo sforzo di chi, a mani nude, ha cercato di riparare allo scempio. Condivido il ricordo del prof. Di Cristo, umile e gentile, e di don Nicola Ciavolino, con sincero rimpianto.

  6. alfredo ruggiero ha detto:

    Le terme ginnasio e villa sora mi stanno nel cuore.Bellissima l’immagine del ermette.
    Grazie

  7. francesco ha detto:

    Prof. Langella a quando nuove notizie sul ritrovamento della Porta di CapoTorre ?
    Un novello riscatto per la Nostra martoriata città.

Aggiungi un commento