Discussione4 Comments

  1. Giovanni D'Amiano ha detto:

    Purtroppo la poesia recitata non si riesce a seguire bene. sarebbe opportuno riportare il testo scritto. Grazie.

  2. Salvatore ha detto:

    Caro Giovanni, Achille Serrao, con Michele Sovente e Tommaso Pignatelli, è uno dei tre poeti del filone “Poesia Neodialettale Napoletana”. Ho avuto il piacere di condividere la sua amicizia e, nel suo ricordo, ti suggerisco questo primo estratto della sua poetica.
    http://www.vesuvioweb.com/it/wp-content/uploads/Achille-Serrao-Poesia-vesuvioweb-1.pdf

  3. Marie ha detto:

    l’aria
    C’è rummasa ‘a scumma d’’a culàta mo’
    na chiórma ‘e muscille che s’aggarba
    pezzulle ‘e pane sereticcio quacche
    silòca” ‘nfacc’ê pporte arruzzuta
    e ‘o viento nu viento ahi na mal’aria
    ‘a quanno se ne só
    fujute tutte quante secutanno ‘o ciuccio ‘nnante, ‘e notte
    cu’ ‘a rrobba ‘a rrobba lloro (‘o ppoco pucurillo ca serve e tene)
    e ‘a póvere s’aiza ‘int’a stu votafaccia
    pe’ ll’aria che se tegne d’’o janco d’’a petrèra.
    Pe’ tutt’a scesa ruciuléa ‘a ggente p’’a scesa
    scarrupata ‘e ccarrettelle d’’a ggente
    ruciuléano pure d’’a ggente chiòchiara
    ‘nzevata ‘e suonno ca nun sente
    chell’ate ruciulià e parla a schiòvere
    stanotte parla ‘e pressa a una voce
    essa ch’è sulamente voce.
    Se ne só jute muro muro da
    ‘o maciéllo ‘a vetrèra ‘a dint’ê ccase
    appuccenute sott’ê ciéuze senza
    vummecarìe e mmanco na menàta
    ‘e chiave, ll’uocchie asciutte se nn’è ghiuta
    ‘a ggente parlanno addò’ va va
    viate a lloro e a chillu Ddio ch’’e ffa campà.
    ………….cordiali saluti

Aggiungi un commento