Discussione3 Comments

  1. Falato Silvio ha detto:

    Hai fatto bene, caro Aniello, a riprendere insieme al tuo amico Di Luca un momento cruciale della tradizione del vostro paese. Essa (tradizione) va sempre ribadita nelle narrazioni, così non solo non se ne sbiadisce il ricordo, ma vi si aggiungono altri elementi storici che possono poi essere di importanza sostanziale nella ricostruzione del nostro passato. Molto accattivante è l’appesantimento del Crocifisso per uno come me che è di Guardia Sanframondi. Tieni presente che celebriamo riti settennali con i battenti a sangue in onore dell’Assunta, la cui statua, secondo la tradizione, venuta fuori in seguito a scavi sotterranei, non era possibile smuovere per la pesantezza. Solo quando i fedeli Guardiesi cominciarono a battersi a sangue il petto per penitenza, la statua si alleggerì e fu trasportata in paese, dove tuttora è venerata. Complimenti.

    • admin ha detto:

      Grazie per aver commentato questo contributo alla storia religiosa e al culto della Madonna. Sono ricerche che andrebbero integrate, come ben sai in maniera collegiale andando anche ad abbracciare gli aspetti antropologici ed etnici. Mi incuriosisce molto il tema del crocefisso. A Torre in ben tre occasioni storiche si rinnova il racconto dell’icona, dell’oggetto simbolo del culto che quasi a sottolineare la volontà di restare in quel luogo, diventa pesante, intrasportabile. Come se la divinità, o meglio la sacralità voglia ribadire con linguaggio umano il desiderio di esprimere la propria benevolenza nei confronti degli umili, della gente semplice. Accade così anche nella tua città? Ce ne illustri i momenti storici? Ti sarei molto grato. Capire i perchè di ciò che accadde.

  2. Marie ha detto:

    ………vorrei fermarmi sul’immagine delle piastrelle (figura in copertina)chisa perche ,como disegno La Vite…il grappolo d’uva…l’edera delle foglie……quale fu l’importanzza da mettere ….ed a come pare *il testimone*glorioso dell’epoca,della religiosita.

    ———grazie per far ritornare alla mente sei torresi ..un pezzo verace della Storia

Aggiungi un commento