Il Cantastorie di Napoli

Inserito da: · novembre 22, 2014

Di

Aniello Langella

E il vento freddo? Come imboccai la strada che mena al porto passando davanti alla piazzetta di Monteoliveto, ebbi la sensazione di  incontrare un muro fatto di vento e di gelo. Una barriera quasi insuperabile, ma la voglia di incontrare gli amici in quel solito appuntamento domenicale con il cantastorie del Molo era più forte. E mentre mi perdevo in questi pensieri, ero già lì.

icona cantastorie2

Il Cantastorie di Napoli – Di Aniello Langella – vesuvioweb 2014

Discussione3 Comments

  1. Falato Silvio ha detto:

    Pagina sublime di narrativa decadente. La narrazione scorre placida e sentita e si fa poesia quando, dovendo rappresentare i momenti più amati, quelli della realtà popolare, usa la lingua del cuore, carica di spontaneità e di arcaismi che sono vere e proprie perle. Complimenti e grazie per quello che fai per la Cultura con la “C” maiuscola.

    • Vesuvioweb ha detto:

      Caro Silvio e carissima Giuseppina, i vostri complimenti mi fanno arrossire. Io ho scritto solo quel che la testiera voleva. Poichè questo pezzo è il primo di altri che scriverà in materia di mestieri e mestieranti a Napoli e dintorni, tengo questi vostri apprezzamenti come spinta a migliorare il mio stile di fine ‘800. A me quel periodo piace tanto e cerco di farlo mio ogni volta che posso. Grazie ancora

  2. giuseppina di vicino ha detto:

    bravooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo! Così ti preferisco. Oppure quando mi inviti ad ascoltare brani classici napoletani che mi regalano momenti magici che toccano le corde dell’anima facendola vibrare all’infinito. Grazie!

Aggiungi un commento