Natale 2014

Inserito da: · dicembre 20, 2014

Di

Giovanni D’Amiano

… ’A viggilia ’e Natale, p’ ’a Maronna,
è na jurnata nera e scunzulata:
nun trova nu pertùso o na culonna
addó sgravà ’o Figlio, ’int’â nuttata.
Verennola prèna, stracqua e attentùta,
ognuna scanza ’e se nguaià ’a jurnata:
lle nzerra ’a porta nfaccia e ’a secùta,
pe tturnà allèra, leggia e nfacennata.
P’ ’o juorno d’ ’a viggilia, ha ggià mmitato
tutt’ ’e pariente care e ccare amice,
pe na festa sfarzosa e n’abbuffata…

natale 2014 icona 2

Natale 2014 – Di Giovanni D’Amiano – vesuvioweb 2014

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Giovanni D'Amiano

Discussione4 Comments

  1. Marie ha detto:

    ………..La notte di Nataleeee……….e’ non si doormeeee

    ……….suono melodioso di un tempo ,che reale torna in queste serate di attesa e vigilia……….

    cordiale saluto al sig.Di Giovanni D’amiano

  2. Silvio Falato ha detto:

    Bellissimi e toccanti codesti ritorni ai valori del Natale di un tempo. Ci piange il cuore nel constatare quante ricchezze ci ha portato via il benessere e il modernismo. Complimenti al nostro caro cantore.

  3. Giovanni D'Amiano ha detto:

    Grazie, Silvio per avere colto l’anima del problema: oggi il consumismo, che è il cuore tossico del modernismo, ha spostato i valori guida di un falso benessere dallo spirituale al materiale, dal sociale all’individuale, con le tristi conseguenze di disuguaglianze insopportabili tra i pochi-pochissimi ricchi e i molti-moltissimi poveri, così che la compagine sociale è sempre più sull’orlo di pericolose tensioni; conseguenze che, a livello mondiale, si esprime col nuovo massiccio esodo di poveri e di perseguitati, sfidando l’alta probabilità di morte, verso paesi anch’essi in profonda crisi di benessere e di pace sociale…E intanto una generazione di giovani rischia di non avere un futuro… Non ci resta che sperare… in un 2015 di svolta per i nostri figli e nipoti. . Bellissimo, Silvio, il tuo commento, di cui sono felice e fiero.

  4. Giovanni Napolitano ha detto:

    Natale è passato –
    nun se véreno cchiù presepie e zampugnare,
    ma a Nàpule niente è cagnato.
    Mo’ arriva Capuranno –
    e tutte e feste se ne vanno.
    A nnuie ce resta nu futuro amaro.
    Sta città ca na vota era nu Stato –
    terra felice, chiena é feste, mùseca e canzone
    ha perzo quase tutte sti tesore
    e continua rassignata nu destino ‘ngrato,
    A storia nosta è sulo n’ abbandono.
    A troppo tiempo nun se vere nu raggio é sole.
    O futuro é chesta gente ce turmenta –
    a vita scorre comme nu ciummo ‘nfracecato –
    pure chi sape natà piglia e s’affonna –
    e a gente manche se lamenta.
    Aspetta sulo c’o Vesuvio ‘ncazzato –
    se sceta e arravoglia tutto ó munno –
    e resta nu cratere llà nu funno.
    Sulo si sta città sparisce, forse se rinnova –
    e forse nu futuro cchiù sano s’arritrova.

Aggiungi un commento