10.853 parole per dirti di Lei

Inserito da: · gennaio 25, 2015

Racconto

di

Giuseppina Di Vicino

… La sua figura claudicante, con l’inseparabile bastone e cappello, è sempre rimasta nitida nella sua
mente di bambina che si affacciava nel mondo da sola, osservando e studiando in silenzio quanto le
accadeva intorno, visto che era circondata da persone più grandi di età, impegnati nelle cose degli adulti.
L’unico suo rammarico negli anni a seguire fu l’assenza del ricordo della sua voce perché ciò rendeva la
figura dello zio monca, priva di un quid importante …

icona romanzo1

Giuseppina Di Vicino – 10853 parole per dirti di Lei – vesuvioweb 2015

 Illustrano il testo le opere del maestro Tindaro Calia

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I fattarielli di Pina Di Vicino

Discussione2 Comments

  1. Marie ha detto:

    Guiseppina cara:interessante testo ,…….mi hai portato per la mano…..assaporando i momenti delle 10853 parole per dirte…..del bene che le vuoi a Lei,,,,,,,,,,,,,,
    ————La ilustrazioni del maestro Tindaro Calia*meravigliose*

    ————che dirte cara scritrice****Complimenti****

    …………Anche a i collaboratori della web che fanno del testo una vera meraviglia!!

  2. giuseppina di vicino ha detto:

    Che dirti, Maria cara? Grazie. A me piace raccontare le mie emozioni, i miei sogni, i miei valori e tutto quanto di bello e di umano si può trovare ancora , cercando col lanternino, per dirla con Diogene, nell’uomo, in quegli uomini così diversi e lontani da me, che vivono in un mondo che non mi appartiene. E le tele del maestro Tindaro Calia, scelte ad hoc dal mio caro amico Nello sembrano dipinte proprio per la mia storia. Sono felice di averti portata per mano nel mio mondo. Un caro abbraccio.

Aggiungi un commento