A Mmericina Vesuviana – Lettera A

Inserito da: · gennaio 25, 2015

Di

Gianna De Filippis, Salvatore Argenziano, Aniello Langella

arrïzzá: v. intr. Essere soggetto a erezione sessuale. *FR. j’ cierti vvote mm”o castigarria ca pe’ fforza vo’ sta’ semp’arrizzato. *RDS. Piglia ‘o trebbete c’ ‘a tiella s’è ‘nfucat’ ‘a furnacella e lu mare annizza annizza
‘o tuio è mmuscio e ‘o mio s’arrizza. Molto complessa, ma non di difficile spiegazione la genesi fisiologica dell’erezione. Preceduta sempre dall’ arrapamiéntö, è sempre il risultato di un progetto volto alla procreazione. Lo stimolo primario sia nel sesso femminile che in quello maschile è il pensiero che formula e costruisce l’oggetto del desiderio. E questo può essere anche semplicemente onirico. Nella maggior parte
dei casi l’arrïzzámiento è supportato dalla vista, dal tatto, dall’olfatto e anche dall’udito

Icona Lettera A1

A Mmericina Vesuviana – Lettera A – Gianna De Filippis, Salvatore Argenziano, Aniello Langella – vesuvioweb 2015

Discussione4 Comments

  1. Falato Silvio ha detto:

    Si sta portando avanti un lavoro eccellente in cui ciascun componente del gruppo sta dando la parte migliore del suo sapere e delle due abilità. Complimenti. Aspettiamo il resto.

  2. Vesuvioweb ha detto:

    Uno dei nostri Amici vuole fare una precisazione al testo che riteniamo giusta: Gentili amici, nell’artico Mmericina vesuviana, alla voce scevulì, sono riportati i versi della canzone: Te voglio bene assaje. Sicuro che trattasi di una distrazione, vorrei segnalarvi che gli autori della canzone non sono affatto E. Nicolardi e De Curtis; ma i versi sono di Raffaele Sacco e la musica è attribuita a Filippo Campanella. L’occasione mi è gradita per inviarvi cordiali saluti.
    Claudio Pennino

  3. Marie ha detto:

    ………Come siete bravi!!!!!
    cordiale saluto

  4. marisa ha detto:

    Una lettura veramente interessante ed anche istruttiva, perché devo dire che non conoscevo molti dei termini così accuratamente esaminati ed esposti.
    Altre parole hanno risvegliato in me la memoria di antiche scippacentrélle, curate soprattutto con quello che il nostro dottore definirebbe “effetto placebo”.
    Non dimentichiamo, però, il sovrano dettato r’a Mmericina vesuviana : “A meglia mmericina? Vino ‘i campagna e purpètte ‘i cucina!”.
    Complimenti agli autori, in attesa della prossima puntata.

Aggiungi un commento