10 – I Pronomi

Inserito da: · gennaio 17, 2015

A Lenga Turrese – La Grammatica – I pronomi

Di

Salvatore Argenziano

… I pronomi personali in funzione di soggetto sono: – Io – oppure – I’ – Tu – Isso/Essa. Nui/Nuie – Vui/Vuie – Loro/Esse. Le forme nui e vui sono quelle etimologiche che si ritrovano nella legazione fonetica. Le fome nuie e vuie, con l’enclitica -e si adottano per motivi di fonetica, rendendo bisillabo, – nù-ie -, il monosillabo.
I’ me ne vaco quanno voglio io. Tu vavatténne quanno isso t’u ddice. Essa pô rummané. Nui simmo venuti appriésso a vvuie. E vvui venite appriésso a nnuie. Lloro ròrmono ggià …

10 icona i pronomi2

10 – I Pronomi – La grammatica della lingua torrese – di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2015

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, La grammatica della Lenga Turrese

Discussione6 Comments

  1. Falato Silvio ha detto:

    Un’altra preziosa gemma, aggiunta al grande tesoro che stai accumulando, Salvatore caro.

  2. giovanni ruotolo ha detto:

    Caro Salvatore, senza alcuna piaggeria, ma Torre del Greco tutta dovrebbe ringraziarti per l’opera meritoria che, stoicamente, vai portando avanti. Stai, con il tuo lavoro, dando nobilta’ alla lingua torrese e nel contempo la possibilita’ alla stessa, con l’omologazione che avanza, di non precipitare perennemente nell’oblio. La nostra Citta’, e tu certo non nutri alcuna illusione in merito, e’ purtroppo precipitata nell’insipienza piu’ totale. E’, tanto per parafrasare Prisco , e’ divenuta una provincia addormentata, un non luogo. Qui non abita piu’ la Cultura, ed il tutto traspare drammaticamente ai visitatori,pochi, che hanno la ventura di passare di qui. Comunque con il tuo lavoro stai preservando l’esistenza di un mondo,il nostro mondo, lo stesso che ci ha visto muovere i primi passi, ci ha visto crescere e poi divenire adulti. Tutti quei suoni, perche’ poi in fondo una lingua non e‘ altro che un’armonia sonora, hanno accompagnato il nostro vissuto, la nostra vita e la loro scomparsa porterebbe drammaticamente via anche una parte di noi stessi. Grazie di cuore.

    • Salvatore ha detto:

      Caro Giovanni, ti ringrazio tanto per i complimenti che sono sempre graditi ma non è la mancanza di questi l’oggetto delle mie delusioni.
      A Torre ci sono tanti organismi culturali, dalle Scuole di ogni grado alle Università, ai Circoli, alle Proloco ed anche ai Poeti ma nessuno di questi promuove iniziative per la conoscenza e tutela del nostro dialetto. Un’attività, questa che non ha bisogno di finanziamenti, neppure per l’acquisto di un libro. In rete c’è tutto quanto occorre per divulgare il dialetto, napoletano o torrese che sia, quello che si preferisce.
      L’Unesco tutela le lingue locali, i dialetti parlati da gruppi etnici anche di modesta consistenza. Forse i torresi non sono ancora convinti che il nostro dialetto non è un “dialetto del dialetto napoletano” ma che ha una sua origine e un suo sviluppo parallelo e prerogative che il napoletano non ha o, forse non ha più, data la sua costante italianizzazione.
      Così il nostro dialetto si corrompe sempre più nella omologazione del napoletano e ciò, in sostanza, è l’oggetto delle mie delusioni.
      Sperammo bbuono.

  3. Marie ha detto:

    …………Salvatore del mio cuore,caro amico,lo sai cha la vita fatta ‘e di *delusioni*..lascia perdere!!………….Sempre restera la scintilla del dialetto torrese,

    ………..Sempre sperammo bbuono,siiii!!!!lascia perdere Salvatore caro….pienzze a camppaaa!!!

Aggiungi un commento