Viaggio nella terra dei briganti

Inserito da: · febbraio 26, 2015

Di

Giovanni Ruotolo

… Eravamo in cinque, che ricordi: Giovanni, come me, che dopo di allora non avrei mai più rivisto. Partì carabiniere per Carbonia un anno dopo. Tramite un amico comune ho poi saputo che ha avuto una vita sentimentale alquanto travagliata. Oggi è in pensione e vive solo. C’era poi Giorgio, oggi è medico. L’ho incontrato recentemente a una gita nelle Marche. Soffre di cuore e l’ho trovato molto depresso. Anche lui vive
solo …

icona brig1

Viaggio nella tera dei briganti – Di Giovanni Ruotolo – vesuvioweb 2015

Discussione4 Comments

  1. Pietro Cagnazzo ha detto:

    E’ un momento molto triste della nostra storia, che le autorità cercano in ogni modo di rimuovere, tant’è vero che la vori cinematografici come “li chiamarono Beriganti” o televisivi come “l’eredità della priora” non sono abbastanza conosciuti. Nessuno parla a sufficienza delle stragi di Casalduni o di Pontelandolfo o di Scurcola Marsicana, delle nefandezze del gneerale Cialdini, e di un certo clero, dell’assedio di Gaete dove per consentire agli assedianti di passare l’inverno al caldo furono abbattuti centinaia di ulivi secolri, e così via. Si parla solo dei briganti, feroci e sanguinari, ma ci si dimentica di dire che si trattava di poveri contadini diseredati…

  2. Serena Carme ha detto:

    Il racconto ,autobiografico, in prima persona , rispecchia in pieno i canoni di tale tipio di testo,ed è scritto con sapiente mano nostalgica, ma non retorica. Eppure, mi si è palesata, leggendo, una favola ( non fiaba) : oggettiva nelle osservazioni di una realtà paesaggistica che sembra essersi fermata nel tempo; sentimentale e sensibile nei ricordi, ma mai sdolcinata neppure davanti ai flashback di un’esperienza goliardica quasi adolescenziale , di cameratismo e complicità tra compagni; cruda nella denuncia degli orrori verificatosi e mai palesati; fermo nella morale , che come in ogni favola che si rispetti , invia un chiaro messaggio su cui riflettere.E’ un bel leggere, come al solito ricco di informazioni e di citazioni che non ne inficiano l’interesse, ma anzi aprono squarci di orizzonti, di conoscenze, di riflessioni. Non ultime, le immagini che rafforzano il parallelismo tra l’esperienza vissuta e la storia nascosta ma così viva nelle pietre di quella terra troppo spesso dimenticata,Complimenti, Gianni, un plauso te lo meriti tutto.

  3. carlo moscariello ha detto:

    Complimenti per il racconto: e’ sempre bello rivivere, insieme a chi racconta, un esperienza come la vostra, dai ricordi rimasti impressi nella memoria , soprattutto per chi conosce quei luoghi! Io e mio cognato ci siamo prima presi la licenza di pesca per acque dolci, per pescare nei laghi con massimo due canne da pesca, perche’ i controlli erano molto puntuali, e poi ci alzavamo alle tre di notte per stare sul lago verso le 4, 4e30. Ti assicuro che non c’e cosa piu’ bella di stare li, nel silenzio assoluto, e sentire i pesci saltare fuori dall’acqua appena albeggiava! Per quel che riguarda il vs. viaggio, di quei tempi, andare ai laghi di Monticchio e’ stata proprio una “locura” , direbbe una mia amica spagnola, perche’ con la 600 mio suocero partiva alle tre di mattina per arrivare ai laghi verso le otto e poi, dopo un po di sosta con il suocero, la moglie e le figlie a Ripacandida. In treno forse era meno sofferto il viaggio ma sicuramente piu lungo, il treno doveva essere la famosa “Littorina” a gasolio, perche’ non c’erano le linee aeree! Ancora oggi a Rionero arriva solo il treno a gasolio! Complimenti per l’esperienza vissuta e soprattutto per avere toccato quei luoghi prima che ci arrivasse il turismo di massa. In estate a Potenza fanno una rappresentazione teatrale che ricorda la storia di Crocco ed altri! Se mi vieni a trovare a Ripacandida puo’ darsi che ritrovi i discendenti della moglie di Crocco…..!!! Non so se hai visitato l’Abbazia sul lago piccolo, all’interno…! Comunque sicuramente devi venire a vedere la Chiesa di Ripacandida , che e’ gemellata con la Basilica di Assisi(si conserva una reliquia del Santo) e nella quale vengono conservate delle pitture medievali dell’epoca di Giotto, molto meglio conservate di quelle della stessa Chiesa di Assisi!

  4. Liliana Marrazzo ha detto:

    Bravo,Giovanni! Il racconto mi è piaciuto molto! E’ vero,la storia la scrivono i vincitori…

Rispondi a carlo moscariello

Cancella risposta