Il Fortino di Capo d’Oncino a Torre Annunziata

Inserito da: · marzo 19, 2015

Di

Aniello Langella

… E’ tuttavia il secolo XVIII che ci regala i migliori modelli difensivi, le migliori forme che oggi sembrano sopravvivere a stento, strette nelle fitte maglie di quella trasformazione e di quello stravolgimento urbano che ha reso quasi illeggibili le tessiture territoriali di quei tempi. Quei pochi fortini che ancora oggi sopravvivono ci raccontano da un lato la propria storia e dall’alto, sembrano lanciare un grido di dolore per l’abbandono col quale sistematicamente, vengono devastati dal cemento e disprezzati dalle politiche locali. Abbandonati spessissimo a causa dell’ignoranza e ahimè dalla indifferenza dilagante …

oncino icona 2

Il Fortino di Capo d’Oncino – Di Aniello Langella – vesuvioweb 2015

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I monumenti

Discussione5 Comments

  1. Falato Silvio ha detto:

    E’ certamente una bella soddisfazione riuscire a diffondere sprazzi di luce su momenti di storia che sono avvolti dal buio della notte. Soprattutto poi se interessano luoghi che ci stanno nel cuore. Complimenti, Aniello.

  2. Marie ha detto:

    Nello carissimo le parole mancano per spremere leggere ed ammirare la cartografia!!! graziee.

  3. Vanni ha detto:

    Non sono d’accordo sulla denominazione di “Capo Oncino”,la più giusta sembra essere ” Capo uncino” derivando dalla forma che assumono,vista dall’alto,gli scogli
    che emergono all’apice del Capo stesso.La trasformazione da Capo Uncino aCapo
    Oncino potrebbe essere stata causata,nel tempo,da una possibile degenerazione
    dialettale.Che io sappia non mi risulta esserci una plausibile spiegazione da cui de-
    riva la prola”Oncino”.Qualora vi fosse,sarei ben lieto di conoscerla.

    • Vesuvioweb ha detto:

      Sempre costruttivo ricevere commenti e precisazioni, in relazione ai nostri articoli. Il suo commento stimola la ricerca e la riflessione. Grazie. La Direzione di vesuvioweb.

Aggiungi un commento