Ippolito Cavalcanti – Cucina casareccia in dialetto napoletano

Inserito da: · Aprile 5, 2015

…   Abbesogna amico mio a prim a prim de rengrazià tutte chille, ch’hanno compatuto chisto libro, e che m’hanno fatto sentì d’esserle piaciuto, e pe chesta accasione, m’hanno puosto a lo cemiento de stampà n’auto libro, co’ tant aute jonte, e tant’aute belle cose, e tant aute accommensandole da capo; com sarria chella benedetta lista de’quatto piatte a lo juorno pe n’anno sano, che l’aggio tutta cagniata1, e pecché l’aggio scritta co no poco de recenza maggiore, pe no mme sentì da n’amico, e parente mio, che era bona gnorsi; mma ngiaveva schiaffato troppo baccalà pe li juorne de scammaro3, mperzò naggio levato lu baccalà, ma po mme senteva dicere da ll’aute …

Di Gianna De Filippis e Salvatore Argenziano

Regola Primma e Regola Seconna

01- Ippolito Cavalcanti – Cucina casareccia in dialetto napoletano – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2014 –

Regola Seconda. De’ lle zuppe, e meneste

02- Ippolito Cavalcanti – Cucina casareccia in dialetto napoletano – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2014 –

Regola Terza. De’ lle zuppe, e meneste.

03- Ippolito Cavalcanti – Cucina casareccia in dialetto napoletano – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2014 –

Regola Quatto. Piatte de Carne. Prima parte

04 – Ippolito Cavalcanti – Cucina casareccia in dialetto napoletano – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2015

icona cavalcanti 2

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Ippolito Cavalcanti

Discussione2 Comments

  1. Marie ha detto:

    …….jajaja Que magnifica lettura! mi avete fatto riccordare “”‘e pappece””…Mamma mi deceva—ueee tiene menndeee *c’´´e satnn’epappace….!!!inte e fasulee.

    Salvatore Gianna vi meritate la Gloria Eterna!!
    baci e grazie

  2. Marie ha detto:

    Farrai sempe la zizza volluta comm t’aggio ditto ncoppa, la fielle purzî quanno
    è cotta, e po la miette dinto a na cazzarola co no poco de nzogna presutto ntretato, e
    petrosino, sale, e pepe, farraje lo sbattuto d’ova, e caso grattato, e nce lo mbruoglie pe
    mmiezo, e accossì la farraje servì; si po la volisse ammollecata doppo volluta la faje
    felle felle, e l’accuonce dint’a no ruoto, co pane grattato, limone, e no poco de
    petrosino, sale, pepe, e no poco de’ butirro e la farraje ngrattinà a lo furno. …………………………………..Quanto siete brillanti!!!!aaahhhhhhhhhhmeritaresti la medaglia d’oro,con dei brillanti………mi fate ridere tanto ma tanto ………solo vorrei avere la gioia di avere almeno per un attimo ***i miei avi!!!per gioire inzzieme…………..vi voglio beneeeeee

Aggiungi un commento