L’Orazio “napoletano” di Gabriele Quattromani

Inserito da: · aprile 10, 2015

Di

Vincenzo Pepe

…  Ed è forse da qui che deriva quel senso di maggiore profondità che mi sembra di poter cogliere nella resa napoletana di Orazio del Quattromani, quell’effetto di risonanza che il dialetto sembra conferire al testo latino, specialmente quando l’ironia del traduttore si incontra con quella del poeta latino. Come succede, per esempio, nel luogo di Odi, III, 29, 29-32, nel quale Orazio ci ricorda che gli dei ridono della nostra
pretesa di penetrare la notte caliginosa che ammanta il futuro

Prudens futuri temporis exitum
caliginosa nocte premit deus
ridetque, si mortalis ultra
fas trepidat.

icona orazio int

Vincenzo Pepe – L’Orazio napoletano -vesuvioweb 2015

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Vincenzo Pepe

Discussione1 Comment

  1. Marie ha detto:

    Quanno vene gialluta la morte…
    Essa trase a ppalazze Riale, a Castielle, a ppagliare a spitale
    senza dicere ‘pozzo trasì?’.

    ………Grazie!!!!

Aggiungi un commento