L’uomo di Neanderthal in Campania

Inserito da: · aprile 22, 2015

Di

Giulio Caso

… Le rocce che testimoniano questo stadio dell’evoluzione geologica (tufo grigio) sono abbastanza diffuse. L’impatto con il suolo fu mitigato, in molti casi, dalle acque delle paludi che, comunque, iniziarono a ridursi, permettendo così, i futuri, estesi, insediamenti di umani, successivamente, pervenuti nelle nostre zone …

icona uomo2

L’uomo di Neanderthal in Campania – Di Giulio Caso vesuvioweb 2015

 

Discussione1 Comment

  1. Marie ha detto:

    C’è un po’ di Neanderthal nel nostro Dna – Inoltre, i ricercatori hanno aggiunto il Dna dei Neanderthal, sequenziato nel 2010, mostra una chiara prova di ibridazione. La mescolanza sarebbe avvenuta circa 50mila anni fa in Europa e nel Medio Oriente. Oggi, l’eredità dei Neanderthal è stimata tra l’1 e il 4% del Dna delle persone che vivono al di fuori dell’Africa.

    Somma di più fattori – Gli scienziati hanno concluso: “La scomparsa dei Neanderthal sembra essere il risultato di un processo complesso e protratto che include molti fattori dinamici come bassa densità di popolazione, l’accoppiamento misto con qualche contatto culturale, una possibile sterilità nei maschi ibridi e la contrazione nella distribuzione geografica seguita da inondazione genetica e assimilazione dovuta al crescente numero di migranti”.

Aggiungi un commento